Dario Fo alla San Giorgio nel 2007 (Castellani)

Pistoia, 13 ottobre 2016 -  Ha inaugurato nel 2007 la nuovissima biblioteca San Giorgio alla presenza di un folto pubblico che venne ad ascoltarlo mentre elogiava la nascita di un nuovo edificio dedicato alla cultura. Non solo, Dario Fo,  è stato anche protagonista sul palcoscenico del teatro Manzoni per questo la sua scomparsa colpisce al cuore anche Pistoia. Il direttore artistico dell’associazione teatrale pistoiese Saverio Barsanti lo ricorda così: «Ci uniamo al lutto che ha colpito oggi il mondo della cultura italiana e mondiale per la scomparsa del grande autore ed attore Dario Fo, vincitore del Nobel per la Letteratura nel 1997 – scrive Barsanti ––Tra le sue numerose occasioni pistoiesi, ci piace ricordare alcuni episodi tra cui la splendida conferenza-spettacolo tenuta in Piazza Duomo nel 1985 dedicata a Capitan Spaventa di Francesco Andreini, la presenza del suo spettacolo Il diavolo con le zinne (interpretato dalla moglie Franca Rame e da Giorgio Albertazzi) proprio nei giorni della consegna del Nobel a Stoccolma, vittoria che Franca Rame festeggiò dal palco del Manzoni. Ultima presenza di Fo a Pistoia in occasione del debutto del suo testo, Non si paga, non si paga, da lui diretto per Marina Massoni e Antonio Catania. Salutiamo, con grande dolore, l’ultimo Grande Uomo del Teatro italiano del Novecento».

Non solo lutto in città, il destino ha voluto che proprio ieri, giorno della scomparsa di un grande artista italiano, sia stato conferito il nuovo premio Nobel alla letteratura questa volta al cantante Bob Dylan. Questa la motivazione letta a Stoccolma: «ha creato una nuova espressione poetica nell’ambito della tradizione della grande canzone americana». Anche Dylan è legato in qualche modo a Pistoia. Il poeta, il mito e l’interprete insostituibile delle emozioni e della musica degli ultimi 40 anni, è salito sul palco del Pistoia Blues ben due volte: la prima nel lontano 1996 e l’ultima nel 2006.