Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Così i danzatori di Kiev raccontano Alice

Sul palco del Manzoni i trenta artisti del Circus-Theatre Elysium, per meravigliare il pubblico con acrobazie ed effetti speciali

Il Cappellaio Matto, il Coniglio, la Regina e poi lei, Alice, per una narrazione che attraverso la musica, la danza, le acrobazie e gli effetti speciali porterà in scena una "Alice in wonderland" in chiave solidale. Fa tappa anche a Pistoia, al Teatro Manzoni, questo venerdì lo stupefacente spettacolo di nuovo circo della compagnia ucraina Circus-Theatre Elysium di Kiev che sta prolungando la propria tournée oltre ogni programmazione, grazie alla fitta rete di solidarietà nata spontaneamente tra teatri italiani. Fortemente voluto dall’Associazione Teatrale Pistoiese e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, lo spettacolo vedrà volteggiare ben trenta danzatori-acrobati qui nei panni degli amati personaggi della più classica "Alice", storia a cui il pubblico di tutte le età è affezionato. In questa versione la storia si arricchisce all’insegna dell’amore: la ragazza si innamora del Principe Azzurro e i due devono superare ostacoli inimmaginabili per coronare il loro sogno di unione. Il linguaggio circense risulta particolarmente adatto a restituire lo strano equilibrio tra ordine e caos, il capovolgimento logico che pervade l’opera ed è anche capace di superare barriere linguistiche e culturali.

La compagnia Circus-Theatre Elysium di Kiev, attiva dal 2012 e che ha scelto come logo una figura ispirata all’uomo vitruviano di Leonardo da Vinci, presenta i propri spettacoli in Russia, Bielorussia, Francia, Cina, Italia con il desiderio di promuovere una forma di nouveau cirque che miscela arte e tecnologia. Una parte dell’incasso della serata sarà devoluta alla popolazione ucraina afflitta dalla guerra. "Ci è sembrato doveroso testimoniare concretamente la nostra solidarietà agli artisti del Teatro di Kiev, convinti come siamo – sostiene il presidente dell’Atp Giuseppe Gherpelli– che l’intera comunità pistoiese coglierà questa bella occasione per dimostrare nei fatti la propria vicinanza a un popolo che sta ingiustamente e dolorosamente soffrendo".

Sostegno e appoggio ribaditi anche dalla Fondazione Caript, che attraverso il presidente Lorenzo Zogheri spiega come volentieri l’ente si sia unito: "A quanti si sono attivati per aiutare degli artisti che, attraverso il loro lavoro, contribuiscono a rendere tutti più consapevoli degli orrori della guerra che ha sprofondato un popolo nella disperazione".

"Siamo molto contenti che la Regione Toscana e in particolare Pistoia con l’Associazione teatrale ospitino il nostro show – ha infine aggiunto Oleksandr Sakharov, direttore della Compagnia ucraina –. Siamo riconoscenti a tutto il pubblico di questo paese, che insieme alla rete di teatri italiani ci sta dando la possibilità di aiutare noi stessi e le nostre famiglie".

I biglietti sono in vendita ai prezzi i 20 (intero) e 10 euro (ridotto under 14); per informazioni: biglietteria del Teatro (0573.99160927112) dal martedì al giovedì dalle 16 alle 19 e il venerdì e sabato dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19. Online su www.bigliettoveloce.it.

l.m.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?