Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
27 feb 2022

Boccia al "Pacini" per parlare di mafia

Il sostituto procuratore della Repubblica del tribunale di Pistoia ha introdotto una partecipata assemblea studentesca

27 feb 2022
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)
Il magistrato Luigi Boccia, 52 anni (FotoCastellani)

Il fatto che non se ne parli ogni giorno non significa che non esista. Tutt’altro: perché la mafia, purtroppo, è tutto fuorché estinta. Il messaggio arriva forte e chiaro alle orecchie di chi in questa lotta è inconsapevolmente in prima linea, i giovani, nell’ambito della recente assemblea studentesca dell’Istituto Pacini a cui le classi hanno partecipato attraverso collegamento in videoconferenza. I rappresentanti degli studenti hanno proposto all’assemblea la visione del film "I cento passi" di Marco Tullio Giordana che narra la vicenda umana e politica del giornalista e attivista politico Peppino Impastato. Il magistrato Luigi Boccia, sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Pistoia, a inizio di carriera attivo in Sicilia, è stato invitato a introdurre l’argomento. "Per la nostra scuola è stato un privilegio e un onore ospitare il magistrato Luigi Boccia – ha affermato ad inizio dei lavori la preside Marzia Andreoni – sia per quanto sta facendo a Pistoia, sia per il suo lavoro alla procura di Marsala, dove ha potuto toccare con mano il peso delle tematiche al centro dell’attenzione dell’assemblea degli studenti". Il dottor Boccia si è complimentato con i ragazzi che hanno voluto affrontare una tematica così significativa e per la scelta del film, ricordando che proprio con l’omicidio di Peppino Impastato, alla fine degli anni ‘70, hanno inizio una serie di delitti di mafia che culmineranno con la strage di Capaci, in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta, e con l’omicidio del giudice Borsellino. "Parlare di mafia e denunciare gli atti della criminalità organizzata negli anni in cui opera Impastato – ha ricordato Boccia – non era cosa scontata. L’esistenza del fenomeno mafioso era negata da più parti, tanto che la morte di Impastato solo molti anni dopo è stata ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?