La partita tra Pisa e Monza del 2007
La partita tra Pisa e Monza del 2007

Pisa, 20 settembre 2021 – Una partita ricca di fascino per numerosi motivi che, nel corso degli anni, ha sviluppato una grande rivalità. Soprattutto a Monza, infatti, Pisa rappresenta, da un momento ben preciso della storia, un avversario indigesto.

UN AVVERSARIO GRANDI FIRME
Mazzitelli, Colpani, Barberis, Donati, Paletta. Sono solo alcuni dei grandi avversari ed ex che il Pisa si troverà ad affrontare domani sera a Pisa. Rispetto all’anno scorso, quando il Monza poteva contare anche sui Balotelli o Boateng, il Monza sembra anche meno stellare, ma comunque più pericoloso, dopo una partenza non troppo esaltante. Mancheranno tre giocatori ai brianzoli, dal pisano Favilli, passando per Pedro Pereira e Barillà, infortunatisi nell’ultima partita contro la Ternana.

QUATTRO VITTORIE DI FILA – I nerazzurri sono in testa alla classifica di Serie B con quattro vittorie nelle prime quattro partite. Quante squadre al primo posto dopo un poker di turni poi hanno effettivamente salutato la promozione a fine campionato? Nelle ultime 13 stagioni, ben 7 compagini ce l’hanno fatta. Negli ultimi quattro campionati addirittura chi era primo dopo il quarto impegno poi è stato sempre promosso. Ulteriore curiosità: negli ultimi quattro campionati chi era primo dopo il quarto impegno poi è stato sempre promosso. C’è anche una curiosità, legata al 2015/16, quando fu il Livorno a trovarsi al primo posto dalla seconda alla quinta giornata, per poi retrocedere alla fine della stagione. Il Pisa comunque ha tutto per giocarsela ad armi pari con tutti.


COOPERATIVA DEL GOL – Il Pisa si ritrova ad essere, in concomitanza con il Brescia, la squadra che ha mandato in gol il maggior numero di giocatori diversi, ben 7. Il successo di sabato arriva contro il Vicenza, una squadra che paradossalmente ha mandato invece il minor numero di calciatori diversi, per un singolare testa-coda. Da quando c'è D'Angelo si ha quasi l'impressione che alla voce 'squadra' o 'gruppo', tra i sinonimi possa comparire proprio la parola 'Pisa'. Allargando anche la forchetta al match di Coppa Italia di Cagliari i marcatori diversi sono addirittura 8, con la rete di Gaetano Masucci che ha inaugurato la stagione. Poi, come noto, è stato Giuseppe Sibilli a segnare, in soli 33 secondi, la rete che ha deciso Pisa-Spal, mentre con l'Alessandria due gol di Lorenzo Lucca nel finale hanno schiantato i grigi. Lucca è andato in gol anche contro la Ternana, gara nella quale i nerazzurri hanno beneficiato di un autogol di Sorensen, ma hanno mandato in rete altri due giocatori diversi: Alessandro De Vitis e Yonatan Cohen. Con il Vicenza infine l'esaltazione totale del gruppo che ha visto le reti di Idrissa Touré, Samuele Birindelli e Giuseppe Mastinu.

SFIDA TRA MAGNATIBerlusconi contro Knaster: Due magnati per altrettante filosofie diverse. Il primo non ha badato a spese per cercare di portare il Monza in Serie A e da 3 anni è la regina del mercato. Il secondo invece ha iniziato un lungo piano di investimenti lasciando il progetto tecnico nelle mani di Corrado, il quale, in questa stagione, ha speso 6 milioni di euro sul calciomercato. Sono arrivati in tanti, da Cohen a Hermannsson, passando per Lucca, Touré e Nagy. Anche dal punto di vista economico il divario è stato colmato con il Monza.


PLAYOFF 2007 – Impressi ancora nella mente dei tifosi pisani, ma anche brianzoli, dopo quasi 15 anni, ci sono i playoff del campionato di Serie C 2006/2007, in particolare Pisa-Monza 2-0, la finale di ritorno. Ceravolo e Ciotola firmarono il ritorno dei nerazzurri, a 13 anni di distanza in Serie B. La partita, ricordata ancora oggi come un trionfo da parte nerazzurra, con quella cavalcata di ‘Ciotolino’ culminata da un gol al 29’ dei supplementari, dalla parte avversa è ancora vissuta come un incubo. Nonostante tutto, nonostante i milioni e una rinnovata gloria in Serie B, Pisa-Monza resta sempre nei pensieri dei brianzoli, che ancora oggi non ci dormono la notte.

Michele Bufalino