Accessi alla Ztl, scatta la rivoluzione: "Razionalizzazione dei permessi. Saranno differenziati per categorie"

Il sindaco Conti annuncia un giro di vite per l’ingresso in centro storico per i titolari dei contrassegni "La vivibilità del cuore della città è una priorità. In corso delle verifiche da parte degli uffici".

La rivoluzione dei permessi per la sosta in Ztl sta per arrivare. O comunque l’amministrazione comunale ha deciso di andare a fondo alla questione e verificare se le migliaia di autorizzazioni vigenti abbiano ancora i requisiti per essere considerate tali. "Abbiamo attivato - ha annunciato il sindaco Michele Conti - un piano di razionalizzazione dei permessi Ztl che devono essere diversificati per categorie (residenti, commercianti, altri permessi). La vivibilità del centro storico è una delle nostre priorità. Il cuore della città dev’essere a misura di residenti, vivo e sempre più abitato. Per questo, fra le varie azioni che abbiamo messo in campo ci sono anche queste verifiche".

Al netto del linguaggio della politica, la razionalizzazione anticipata da Conti rischia, in realtà, di abbattersi come una scure su centinaia di permessi autorizzati molti anni fa e automaticamente rinnovati dai titolari che nel tempo hanno però modificato le loro abitudini e che oggi potrebbero dunque essere messi nuovamente in discussione. La decisione del sindaco, del resto, arriva dopo settimane di polemiche roventi soprattutto da parte dei residenti nella Ztl nord e, in particolare, del quartiere San Francesco. Tanto che Conti ha anche confermato di avere "avviato un’interlocuzione con il Demanio per acquisire l’area intorno al Tribunale e dare risposta adeguata sulle possibilità di parcheggio ai lavoratori e ai residenti della zona".

Intanto, Pisa al centro, la lista civica di maggioranza ispirata dallo stesso sindaco, ha "depositato una mozione per chiedere l’adozione di un sistema di controlli semplice e veloce, fondato sui colori, in modo da rendere immediato e chiaro a tutti se un veicolo ha diritto o meno a sostare all’interno della Ztl".

"Tre colori - spiega la capogruppo Caterina Costa, prima firmataria della mozione - ovvero il verde per i residenti che hanno diritto di parcheggiare H24; giallo per chi è autorizzato al caricoscarico con la soste per un tempo limitato; rosso per chi ha diritto di transito e di fermata breve (genitori che accompagnano i figli a scuola): vogliamo approntare un sistema semplice, che garantisca chiarezza e piena trasparenza poiché con il contrassegno colorato, che conterrà al proprio interno tutte le informazioni sulla tipologia di accesso autorizzato, chiunque avrà possibilità di verificare".

Pisa al centro ha anche chiesto all’amministrazione di "reperire le risorse per acquistare le telecamere in uscita dalle Ztl, unico strumento in grado di impedire gli abusi: solo l’incrocio automatico delle targhe che entrano ed escono può verificare se chi è entrato ha rispettato le prescrizioni contenute nel permesso di cui è titolare". "La nostra lista civica - ha concluso Costa - ha avviato un percorso di ascolto e confronto con i comitati di quartiere di tutta la città e a breve daremo il via a un servizio (whatsappemail) a favore dei cittadini che vogliano segnalare problemi e criticità".