Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
21 mag 2022

Punto nascita, martedì l’incontro con Giani Fiaccolata a Pescia per dire no alla chiusura

Al "Ss Cosma e Damiano" il sopralluogo dei consiglieri regionali Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia) e Luciana Bartolini (Lega)

21 mag 2022

Si terrà martedì a Firenze l’atteso incontro tra i sindaci della Valdinievole e il presidente della Regione Eugenio Giani: i primi cittadini chiederanno la revoca della chiusura del Punto nascita dell’ospedale di Pescia, che già da ieri non accetta più partorienti nel reparto. Intanto non si ferma la mobilitazione popolare: stanno nascendo diversi comitati e si raccolgono firme in diverse zone della Valdinievole. Per la prossima settimana, precisamente mercoledi alle 21, per sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica e fare pressione sui vertici della Asl Toscana Centro e sulla regione Toscana, è stata organizzata una fiaccolata di fronte all’ospedale pesciatino per rendere ancora più evidente il disagio e la preoccupazione dei cittadini per la riduzione dei servizi sanitari territoriali. Il concentramento dei partecipanti avverrà proprio di fronte al nosocomio. Il gruppo di maggioranza al consiglio comunale di Pescia ha annunciato di aver oltrepassato quota mille nella petizione lanciata giorni fa e ricorda a chi vuole firmare che può recarsi ogni mattina dalle 10 alle 12,30 presso la sede di Pescia Cambia in Borgo della Vittoria 30. Per informazioni 3296509650. Da registrare anche il sopralluogo all’ospedale SS. Cosma e Damiano di Pescia dei consiglieri regionali Alessandro Capecchi (Fdi) e Luciana Bartolini (Lega), che hanno incontrato la direttrice sanitaria Lucilla Di Renzo, il capo dipartimento di ginecologia e ostetricia Alberto Mattei, il responsabile dell’Area infermieristica Fabio Pronti, e la referente del presidio di Pescia Giuditta Niccolai. "Sono emerse importanti novità relativamente al caso del punto nascite, del quale è stata annunciata la sospensione dell’attività", si legge in un comunicato. "L’Asl - prosegue la nota – ha 180 giorni per risolvere la situazione del punto nascite di Pescia, prima dell’intervento degli ispettori ministeriali. Il capo dipartimento Mattei ci ha riferito che a fine maggio verrà pubblicato il bando per reperire professionisti ed a luglio si terranno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?