Il vicequestore Ferasin e i suoi collaboratori del commissariato di Montecatini
Il vicequestore Ferasin e i suoi collaboratori del commissariato di Montecatini

Montecatini 12 settembre 2019 - Ha strappato con violenza la borsetta a un’anziana mentre passeggiava con il marito in corso Roma ed è fuggito verso via Dante Alighieri. Gli agenti del commissariato di Montecatini, diretto dal vicequestore Mara Ferasin, hanno arrestato un albanese di 24 anni per uno scippo avvenuto in centro. Tutto è iniziato quando la sala operativa ha ricevuto una chiamata da un poliziotto libero dal servizio che stava prestando aiuto alla donna vittima del reato. Sul posto, per fornire soccorsi, è giunto anche personale del 118.

La donna, ancora sotto choc, ha riferito che pochi istanti prima aveva subito il furto della borsetta. Lo scippo era stato commesso da un giovane fuggito poi a piedi. Per un breve tratto era stato inseguito dalla vittima. La polizia ha subito controllato il sistema di videosorveglianza. Le immagini hanno mostrato un giovane corrispondente alla descrizione fatta dall’anziana. L’autore, con fare sospetto, aveva iniziato a tenere sotto controllo la coppia e, approfittando di una loro sosta lungo un marciapiede di corso Roma, si era avvicinato alle loro spalle. Poi all’improvviso ha strappato la borsa che la donna teneva nella mano sinistra, dandosi alla fuga verso via Dante. Gli inquirenti sono riusciti a risalire a un albanese di 24 anni, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

La polizia il giorno dopo ha rintracciato l’indiziato in piazza del Popolo. Accompagnato in commissariato, il giovane ha ammesso di aver commesso lo scippo, ma di aver gettato poi la borsa sotto una macchina, perché inseguito dalla donna e di non averla più ritrovata. In seguito alla perquisizione, sono stati ritrovati una consistente somma di denaro, un telefono cellulare e un involucro contenente marijuana. Questi oggetti sono stati posti sequestro, in quanto ritenuti provento delle vendita degli oggetti scippati (collane e bracciali d’oro).

La vittima, tra l’altro, durante l’individuazione fotografica, ha riconosciuto il responsabile del reato. Grazie alle prove e agli indizi raccolti, oltre alla gravità del reato commesso, trattandosi di una donna anziana con pesanti problemi cardiaci e difficoltà nel camminare e il rischio di reiterazione di reato, il giovane è stato arrestato. Il pubblico ministero Giuseppe Grieco ha disposto il suo trasferimento nella casa circondariale di Pistoia. Il il giudice per le indagini preliminari ha emesso un’ordinanza di arresti domiciliari.