Gli interventi di asfaltatura a Pieve a Nievole: 350mila euro

La Giunta di Pieve a Nievole ha firmato un contratto per il rifacimento del manto stradale di Via Cantarelle, con un costo complessivo di 350mila euro. L'intervento prevede risanamenti parziali e rifacimento del tappeto di usura. Inizio previsto a metà novembre.

Gli interventi di asfaltatura: 350mila euro
Gli interventi di asfaltatura: 350mila euro

Arriva un altro importante lavoro pubblico a Pieve a Nievole. Dopo metanizzazione e parcheggi delle ultime settimane, sta per partire il rifacimento del manto stradale su via Cantarelle. Nei giorni scorsi è stato infatti firmato il contratto e quindi tutto è pronto a livello procedurale per l’effettuazione dell’intervento, che avrà un costo complessivo di 350mila euro e prevede la risistemazione del manto stradale dell’importante arteria che con direzione nord-sud, collega via Empolese con via Ponte Monsummano. "Ci fa piacere che molti stiano notando la nostra attività in termini di opere pubbliche - dicono il sindaco di Pieve a Nievole Gilda Diolaiuti e l’assessore ai lavori pubblici e vicesindaco Salvatore Parrillo - . Il lavoro della giunta e dell’intera macchina comunale ci permette di concludere tanti lavori che vanno a vantaggio della comunità. Questo, l’asfaltatura di una strada molto transitata e che ne aveva oggettivamente bisogno, è un altro rilevante successo amministrativo". Dal punto di vista prettamente tecnico, l’intervento prevede parziali risanamenti della carreggiata nei punti più ammalorati oltre al rifacimento del tappeto di usura per tutta la larghezza della carreggiata e per tutta l’estensione in lunghezza, circa 1,6 km, oltre alla segnaletica orizzontale. Il lavoro, il cui inizio è prevedibile nell’arco della metà del mese di novembre , dovrebbe essere eseguito prevalentemente con senso unico alternato regolato da semaforo mentre si sta valutando temporaneamente di istituire un senso unico permanente nella zona a sud di Via Arno per tutta la durata dei lavori. Il contratto di appalto è stato firmato il 19 settembre con Giannini Giusto srl, autorizzato un subappalto di parte dei lavori all’impresa Vescovi Renzo S.p.A. di Lamporecchio.