Firenze, 24 novembre 2021 - Diciamolo subito: al di là dei catastrofismi che piaccioni tanto ad alcuni esperti di meteo, quella che potrebbe arrivare nel fine settimana è solo un po' di aria fredda. Niente "sciabolate artiche" né "assalto di ghiaccio" o "disastro polare", ma solo una possente massa di aria fredda in quota che farà scendere le temperature spostandole da tipicamente autunnali a quasi invernali. E sì, anche la quota neve scenderà: sulle Alpi dovrebbe scendere intorno ai mille metri e più in alto sugli Appennini (il Lamma indica una quota neve intorno ai 1.500 metri per venerdì e 1.200 metri per sabato).

Già da giovedì potrebbero scendere i primi fiocchi sulle cime più alte delle Alpi Apuane, venerdì e soprattutto sabato sull'Appennino Tosco Emiliano (ma solo in alto). Temperature giù anche sull'Amiata, ma sempre sopra lo zero. Prima però il vortice di aria fredda che sta arrivando da ovest porterà pioggia un po' dappertutto. 

Venerdì e nel weekend altri impulsi perturbati alimentati da aria fredda in arrivo dal Polo Nord e sospinti da burrascosi venti di Libeccio provocheranno una nuova ondata di maltempo con la neve che scenderà ancora di quota sulle Alpi e stavolta anche sugli Appennini.