L’ingresso della villetta
L’ingresso della villetta

Zeri (Massa e Carrara), 15 agosto 2016 - Ha sparato in testa alla moglie e poi, con la stessa pistola calibro 38, si è ucciso. La tragedia si è consumata, per motivi che rimangono inspiegabili, in una villetta isolata in montagna dove i coniugi abitavano, a Foce di Rossano, nel comune di Zeri, verso le 15.30 di sabato scorso. Le vittime sono Andrea Triscornia, 89 anni, e la consorte Marisa di 88, una vita intera vissuta insieme e interrotta bruscamente da un momento di follia.

NESSUN biglietto è stato lasciato per giustificare l’insano gesto, ma per gli inquirenti si tratterebbe di un chiaro caso di omicidio-suicidio. Il figlio della coppia, Paolo, molto conosciuto, maestro di sci sugli impianti di Zum Zeri, ha scoperto i corpi senza vita poche ore più tardi tornando a casa dopo un giro in scooter per la vallata. Il corpo della madre era riverso senza vita in giardino, in un lago di sangue, mentre il padre era salito al primo piano dell’abitazione prima di esplodere verso se stesso un altro colpo mortale. Disperato il figlio della coppia ha chiamato la Pubblica assistenza e i carabinieri della locale stazione che sono giunti subito sul posto.

I RILIEVI della scientifica sono durati a lungo fino a tarda sera alla presenza del medico legale, del magistrato di turno della Procura di Massa Carrara e del Nucleo radiomobile della Compagnia dei carabinieri di Pontremoli, comandata dal maggiore Giuseppe Loschiavo. Gli investigatori hanno scoperto che l’anziano, prima di farla finita, aveva ucciso anche il cane. Dietro questa tragedia non sembrano esserci particolari disagi, nè economici né riguardanti la salute. La famiglia Triscornia conduceva una vita riservata e nulla faceva presagire questo tragico epilogo. Una «mattanza» familiare senza un apparente perché: nessun messaggio è stato lasciato per spiegare il dramma. La coppia, come detto, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, non sembrava avere problemi di alcun tipo. Certo, qualche acciacco dovuto all’età avanzata, ma niente di particolare. La famiglia Triscornia è descritta come molto riservata. Originaria della Calabria, era giunta a Zeri già molti anni fa da Carrara ed era andata ad abitare in quella villa che sovrasta uno splendido ambiente incontaminato. Un posto sereno per avviarsi al tramonto della vita, che però è giunto cruento e improvviso.

«ERANO persone che vivevano tranquillamente senza particolari problemi – commenta il sindaco di Zeri, Egidio Pedrini – nessuno pensa che dietro ci sia un movente legato a un’eventuale malattia della moglie, perché il medico di famiglia lo ha escluso. La nostra comunità è stata colpita da questo episodio che rimane difficile da decifrare».

I COLPI di pistola, che apparteneva al figlio della coppia ed era regolarmente detenuta, sono stati sentiti dai vicini di casa, ma sono stati scambiati per spari di una battuta di caccia. Ma nessuno comunque avrebbe potuto far nulla per impedire lo scempio. I corpi dei due coniugi sono stati trasferiti all’obitorio dell’ospedale di Pontremoli in attesa dell’autopsia disposta dal magistrato.