Lezioni del Lions sui pericoli legati a internet

Il Lions Club Pontremoli-Lunigiana organizza un incontro per insegnare ai ragazzi come usare Internet in modo consapevole, affrontando temi come fake news, cyberbullismo e cyberpedofilia. Un'occasione per imparare a conoscere i rischi della rete e le regole da rispettare.

Lezioni del Lions sui pericoli legati a internet
Lezioni del Lions sui pericoli legati a internet

Fake news, reati, cyberbullismo, cyberpedofilia. Non per spaventare, ma per insegnare ai ragazzi come usare internet in modo consapevole. Gli studenti dell’istituto comprensivo ‘Antonio Moratti’ di Fivizzano hanno partecipato a un service del Lions club Pontremoli-Lunigiana dedicato alla sicurezza dei ragazzi su Internet che potrebbe diventare un appuntamento fisso. ‘Interconnettiamoci… ma con la testa’ era il titolo dell’incontro tenuto da Piero Fontana, ingegnere esperto di sicurezza informatica. Con lui Alessandro Lucii, presidente Lions club Pontremoli Lunigiana, promotore dell’evento.

Il nome racchiude gli scopi del progetto, cioè invitare i ragazzi a utilizzare internet, conoscendo non solo le opportunità che offre, ma anche i possibili pericoli. "Internet è ormai diventata una componente irrinunciabile della nostra vita – ha detto Fontana – e offre indubbiamente enormi opportunità di comunicazione e di progresso. Sono molti però i pericoli legati all’utilizzo sempre più intensivo e precoce della rete: da una parte c’è il rischio che dal mondo esterno arrivino in casa truffe, violenza e altre minacce; dall’altro, è facile perdere di vista, durante la navigazione, il mondo reale e lasciarsi andare a comportamenti diversi da quelli tenuti nella vita di tutti i giorni. Per i ragazzi, essere nativi digitali rappresenta un enorme vantaggio nell’approccio alle nuove tecnologie, ma molto spesso essi non si rendono conto degli enormi rischi che possono correre durante le loro attività online, a causa della loro tenera età o comunque per la scarsa conoscenza delle regole nella giungla della rete. Le regole del mondo digitale vanno rispettate come quelle del mondo reale" ha aggiunto mostrando filmati e immagini di esperienze reali.

M.L.