"È una soluzione temporanea"

La Provincia di Massa Carrara ha bandito una gara per l'affidamento del servizio di trasporto pubblico locale. La Regione ha fornito risorse aggiuntive per coprire l'aumento dei costi. Si spera che nel 2021 ci siano miglioramenti come servizio a chiamata, aumento di corse e migliorie sui percorsi.

"È una soluzione temporanea"

Gianni Lorenzetti

Una soluzione tampone ma essenziale per il trasporto pubblico locale: ne è certo il presidente della Provincia, Gianni Lorenzetti. "Si tratta di una proroga transitoria fino a luglio, nelle more della gara che abbiamo bandito come Provincia per l’affidamento del servizio per il lotto debole. E’ un accordo migliorativo per At perché ci sono risorse aggiuntive della Regione che servono a coprire l’aumento dei costi del carburante, le difficoltà di servizio all’interno del lotto debole dove gli incassi sono tendenzialmente pochi".

"La Regione ci ha aiutati molto in questo frangente altrimenti sarebbe venuto fuori un disastro grazie al supporto dell’assessore Baccelli e del presidente Giani: ci sono stati vicini e hanno messo le risorse che servivano altrimenti non avremmo potuto fare niente nel tempo utile e ncessario a svolgere le gare. Per ora sono arrivate 6 manifestazioni di interesse e le aziende sono state chiamate a fare una loro offerta. Ora si apre davvero la fase di dialogo competitivo". Potranno essere inseriti miglioramenti e innovazioni del servizio: "Pensiamo al servizio a chiamata – conclude -, l’aumento di corse e le migliorie sui percorsi. Un lavoro faticoso ma migliorativo quando andrà a regime. Speriamo il prossimo anno". Inoltre l’affidamento in emergenza invece dell’imposizione dell’obbligo di servizio ad Autolinee Toscane, come avvenuto in passato con Atn ad esempio, eliminerà la possibilità di un possibile contenzioso con il gestore.