I vigili del fuoco sul luogo dell'incendio alla Spezia
I vigili del fuoco sul luogo dell'incendio alla Spezia

La Spezia, 25 luglio 2020 - Una vittima e tre feriti, è questo il bilancio provvisorio del tragico incendio scoppiato alla casa di riposo San Vincenzo alla Spezia, in via Palmaria.

Il rogo nel quartiere del Canaletto è divampato poco prima delle 22. Al momento non è chiaro quali siano le cause: secondo quanto riportano i vigili del fuoco della Spezia l'incendio si è sviluppato in una camera al terzo piano della Rsa.

Sul posto i vigili del fuoco sono intervenuti con cinque operatori, un’autopompa e un mezzo fuoristrada con serbatoio d’acqua (considerata la posizione dell’edificio, in una strada piuttosto stretta), e una seconda squadra di due operatori con l’autoscala. A supporto è stata inviata anche la vicina squadra del distaccamento Porto Mercantile, con tre operatori e un’ulteriore autopompa.

Erano quattro gli anziani ospitati nelle stanze del piano. Uno di loro purtroppo - un uomo di 87 anni - è stato trovato senza vita mentre le altre tre (tre donne di 85, 86 e 92 anni), nonostante il fumo avesse saturato l’ambiente fin quasi al pavimento, nel giro di pochi minuti sono state tratte in salvo e affidate alle cure dei sanitari che le hanno portate all’ospedale Sant'Andrea. Non sarebbero in gravi condizioni.

Sul posto, oltre al personale del 118, le ambulanze della Croce Rossa e della Pubblica Assistenza, la Polizia di Stato per le indagini del caso, presenti anche i carabinieri. In nottata il magistrato di turno, il sostituto procuratore Elisa Loris, ha dato il nullaosta alla rimozione della salma.

E pensare che la Rsa di via Palmaria era passata indenne dalla tempesta del coronavirus, in una provincia che invece ha pagato un prezzo piuttosto alto: qui non si sono registrati finora né contagi né vittime per il virus. Nessuno poteva pensare che la pace sarebbe stata travolta dalle fiamme.

Aperta un'indagine

L'ufficio del pubblico ministero della Procura della Spezia ha aperto un fascicolo sull'incendio  della San Vincenzo.Secondo quanto appreso, il fascicolo, contro ignoti, prevede tra le ipotesi di reato incendio e omicidio colposo. La stanza del terzo piano dove si è scatenato l'incendio e le immediate vicinanze sono state poste sotto sequestro. L'autopsia sul deceduto sarà affidata lunedì. Il magistrato ha dato incarico ai Vigili del fuoco ogni accertamento utile. Per quanto riguarda le cause, si propende per l'ipotesi dell'incendio accidentale.

 

La vicepresidente e assessore alla sanità della Liguria Sonia Viale

"Desidero esprimere il mio cordoglio ai familiari dell'anziano che ha perso la vita nell'incendio all'interno della Rsa spezzina S. Vincenzo e vicinanza alle altre persone rimaste intossicate che sono in buone condizioni e saranno dimesse in giornata dall'ospedale. Sono in costante contatto con i vertici della Asl5 per seguire la situazione". Così la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale in merito all'incendio che ieri sera è divampato nella struttura di via Don Bartolomeo Pertile. Viale ha chiesto alla Asl5 una relazione, da cui si apprende che le tre persone rimaste intossicate sono state immediatamente trasportate al Pronto soccorso dell'ospedale Sant'Andrea, da cui verranno dimesse in giornata: due verranno accompagnate in un'altra struttura mentre una rientrerà al domicilio. Asl5 con le direzioni competenti ha seguito il percorso di assistenza agli ospiti e alla direzione della rsa S. Vincenzo. Il Dipartimento di prevenzione ha già effettuato il sopralluogo tecnico per gli atti di competenza mentre domani è prevista la visita di un medico del Dipartimento prevenzione.