I rappresentanti della Cgil spezzina, con la segretaria Lara Ghiglione
I rappresentanti della Cgil spezzina, con la segretaria Lara Ghiglione

La Spezia, 28 marzo 2019 - Il momento non è dei più facili, con una serie di attacchi al mondo femminile e alla sua autonomia diventati continui.

Contro questo fuoco nemico e per migliorare la condizione del mondo rosa rispetto a quella odierna, non certo facile, si può e si deve fare qualcosa: ne sono convinti gli esponenti della Cgil spezzina, che passano all’azione e chiamano a raccolta i rappresentanti delle anime della politica, dell’associazionismo e dell’economia della provincia.
“Serve una città a misura di donna: la nostra idea è dare il via ad una piattaforma e ad un protocollo d’intesa per arrivare a questo fine e garantire l’impegno su aspetti quali: formazione, prevenzione, consultori di qualità, lotta contro la violenza”.

È il segretario della Cgil spezzina Lara Ghiglione ad annunciare l’ambizioso obiettivo di “Donne al lavoro – Gli stati generali. Due giorni di incontri e dibattiti sul futuro delle donne alla Spezia”, che domani e dopodomani animerà l’ex opificio Vaccari a Santo Stefano Magra.
Un denso programma per mettere la figura femminile al centro del dibattito.

L’iniziativa coincide solo per caso con le giornate del già contestatissimo congresso mondiale delle famiglie in programma a Verona, essendo il risultato di un percorso intrapreso mesi fa da diverse Camere del lavoro in tutta Italia, ma si pone idealmente al suo opposto, “in un periodo in cui – prosegue Ghiglione – i diritti che il movimento ha conquistato non si possono dare per acquisiti e si ritorna allo stereotipo della donna-madre che deve procreare; si pensa alla famiglia inscindibile in cui, nei casi più estremi, ai va avanti andar avanti anche quando ci sono abusi e violenze”.
C’è chi dice no a tutto questo e non soltanto – vedi voci occupazione e gap salariale, con dati nello Spezzino in linea con le medie nazionali – e per passare al concreto promuove un’alleanza trasversale: non sono state coinvolte solo esponenti della Cgil e delle realtà che hanno collaborato alla realizzazione di “Donne al lavoro-Gli stati generali” –Centro Irene, Associazione Vittoria, No Pillon, Non una di meno, Se non ora quando, Udi, Raot, Europe Direct Provincia della Spezia -, ma di tutti gli attori più importanti della provincia.

Il programma completo:
Donne al lavoro – Gli stati generali, 29 e 30 marzo, ex Opificio Vaccari, Santo Stefano

Venerdì 29 marzo:
Ore 16.30: “Da 0 a 100. Il viaggio delle donne in numeri” Paola Repetto, Spi Liguria
Ore 17: “Donne al lavoro: un progetto per la città”
Tavola rotonda con:
Lara Ghiglione Segretario Generale Cgil La Spezia
Francesca Cozzani Presidente Confindustria La Spezia
Carla Roncallo Presidente dell’Autorità di sistema portuale Mar Ligure Orientale
Genziana Giacomelli Assessore del Comune della Spezia
Federica Maggiani Presidente CNA La Spezia
Paola Sisti Sindaco di Santo Stefano Magra.
Ore 18.30: “Oltre i confini: la lotta mondiale alle disuguaglianze di genere” Susanna Camusso, Cgil Nazionale
Ore 19.30: aperitivo ad offerta volontaria per Borsa di studio
Ore 21: Reading teatrale con Antonella Questa “Questa sono io”

Sabato 30 marzo:
Ore 9: “Il viaggio, l’incontro, il corpo. La donna nell’arte performativa” con Catia Castellani, docente e artista
Ore 9.30 “Il femminismo è superato. (Falso!)” con Paola Columba, giornalista e regista
Ore 10: “Le donne nella società complessa”
Donne e famiglia
Antonella Penati Presidente Associazione Federico nel cuore
Franca Passoni Comitato No Pillon
Donne e immigrazione
Alessandra Ballerini Avvocato per i diritti umani (contributo video)
Introduce: Giada Zappelli
Donne contro la violenza
Maria Cristina Failla Magistrato e presidente Casa della donna
Donne e Europa
Elly Schlein europarlamentare (contributo video)
Introduce: Lara Ghiglione
Ore 12.30: “Organizziamoci: la Cgil, le donne, il futuro”
Tania Scacchetti, Segretario Nazionale Cgil.