La piazza di Campi Bisenzio per Salvini (Fotocronache Germogli)
La piazza di Campi Bisenzio per Salvini (Fotocronache Germogli)

Firenze, 22 giugno 2018 - "Non si può morire a 29 anni per un inseguimento tra rom". Così Matteo Salvini, arrivato nel pomeriggio di venerdì a Campi Bisenzio nell'ambito del suo tour elettorale toscano. Il ministro dell'Interno, in veste di segretario della Lega, era a Campi per sostenere Maria Serena Quercioli nel ballottaggio di domenica. E ha parlato della morte di Duccio Dini, travolto tragicamente dall'auto di un rom a Firenze e morto per le conseguenze dell'incidente. "Mi fa piacere che amministratori e sindaci del Pd, che hanno dormito per anni, si stiano svegliando in queste tre settimane", ha poi detto Salvini. 

"Se penso a Firenze, a come e' stata sventrata con la tramvia e penso a come sono stati rovinati interi quartieri, mi piange il cuore", è il pensiero del segretario della Lega nel capoluogo toscano.

"Pensavo che Salvini venisse in Toscana a prendere impegni concreti su legalita' e sicurezza, di cui e' responsabile come ministro, e invece ancora una volta slogan", ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella.