Lotta a bullismo e discriminazioni: la polizia incontra gli studenti fiorentini

Due gli eventi di sensibilizzazione organizzati dalla Polizia, un incontro e un convegno

Un bambino vittima di bullismo

Rozzano, corso sul bullismo organizzato dalla polizia locale Per Pincioni - Cangemi Foto MDF

Firenze, 30 novembre 2023 - Il 1 dicembre Firenze ospiterà due eventi organizzati dalla Polizia di Stato che, alla presenza, tra gli altri, del vice direttore generale della pubblica sicurezza con funzioni vicarie, prefetto Vittorio Rizzi, in qualità di Presidente dell'Oscad richiamerà centinaia di studenti. Il Centro operativo per la sicurezza cibernetica della Polizia postale per la Toscana, presenterà alle Cascine la campagna itinerante di educazione alla legalità della Polizia di Stato "Una vita da social", volta alla sensibilizzazione e la prevenzione di rischi e pericoli connessi all'utilizzo della rete internet. L’appuntamento è dalle ore 9 al piazzale del Re. ll progetto formativo, rivolto a genitori, studenti e insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, vedrà impegnati i cyberpoliziotti che accoglieranno, a bordo di un truck allestito con le tecnologie di ultima generazione, gli alunni illustrando le principali insidie del web.

L'iniziativa, quest'anno, sarà integrata da momenti formativi che gli operatori del Centro operativo per la sicurezza cibernetica della Polizia Postale per la Toscana realizzeranno insieme alla Sezione Polizia Stradale di Firenze.

Alle ore 10.30, presso l’Auditorium Cosimo Ridolfi di Via Carlo Magno, 7 si svolgerà invece il convegno Oscad al quale, oltre al Prefetto Rizzi, interverranno anche il Procuratore della Repubblica presso il tribunale di Firenze, Filippo Spiezia e il Procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Firenze, Ersilia Spena. L’evento, nel corso del quale verranno affrontate le tematiche relative ai fenomeni di bullismo, cyberbullismo, e della discriminazione di genere, sarà impreziosito da alcuni interventi su casi specifici a cura della squadra mobile della Questura di Firenze, dell'Arma dei Carabinieri e sempre del Centro operativo per la sicurezza cibernetica della Polizia Postale della Toscana.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro