Vittoria Puccini ne La fuggitiva
Vittoria Puccini ne La fuggitiva

Firenze, 8 aprile 2021 - La fiorentina Vittoria Puccini protagonista della grande fiction di Raiuno. L’attrice, diventata nota al grande pubblico per il ruolo principale in ‘Elisa di Rivombrosa’, veste i panni di un’eroina ne ‘La fuggitiva’, la miniserie in quattro puntate, iniziata ieri sera su Raiuno, dove nel cast c’è anche un’altra fiorentina doc, l’attrice Daniela Morozzi
La Puccini è al centro di un originale e appassionante action-thriller al femminile che non rinuncia ai sentimenti: l’attrice interpreta Arianna, una donna in fuga ma anche una madre che lotta per sé e per suo figlio, sconfiggendo i suoi nemici con inaspettata sapienza da ‘guerriera’. "E’ la prima volta che mi confronto con un ruolo che ha una fisicità così importante e centrale per la storia",  parola della fiorentina che prima di questa fiction non aveva "mai corso così tanto in vita mia" e che adesso non smette più di correre tanto che in questi giorni è impegnata su un altro set, quello della serie ‘Non mi lasciare’, in onda nei prossimi mesi sempre sui canali Rai. 
Nella prima puntata, la storia inizia focalizzando l’attenzione su Arianna, in apparenza una donna come tante: madre di Simone (il piccolo Giovannino Esposito) e moglie di Fabrizio, assessore regionale all’urbanistica. Una sera, dopo aver presentato l’inaugurazione di un importante polo residenziale, Fabrizio viene ucciso in casa e Arianna accusata. La donna riesce a fuggire, portando con sé il bambino. Sulle sue tracce, il commissario Berti (Sergio Romano) e l’agente Michela Caprioli (Pina Turco), decisi a catturarla. I due interrogano Marta (Laura Mazzi) e Maurizio Feola (Maurizio Marchetti), il patrigno di Arianna, avvocato e senatore. Scoprono così che Arianna è la bambina scomparsa più di trent’anni prima dopo una rapina nella villa di famiglia, culminata con il massacro dei genitori. Arianna ricomparve misteriosamente in Italia a sedici anni, dopo aver trascorso anni nella Bosnia distrutta dalla guerra. Feola, socio del padre di Arianna, decise di adottarla. Intanto Marcello Favini (Eugenio Mastrandrea), giornalista di cronaca locale, è l’unico a dubitare della colpevolezza di Arianna che nella sua fuga fa tappa alla comunità educativa di Suor Donata, in cui è stata ospite da ragazza, dopo il ritorno da Sarajevo. 
E qui entra in scena Daniela Morozzi, con i capelli imbiancati nei panni della suora. «Un piccolo ma bellissimo ruolo nella serie che unisce azione e melò, proponendo una protagonista femminile scritta per essere molto diversa dalle donne proposte in fiction« spiega sui social la donna che per dieci anni ha dato il volto a Vittoria Guerra in ‘Distretto di Polizia’. ‘La fuggitiva’ è una coproduzione Rai Fiction - Compagnia Leone Cinematografica, prodotta da Francesco e Federico Scardamaglia, e diretta da Carlo Carlei che firma anche soggetto e sceneggiatura insieme a Salvatore Basile, Nicola Lusuardi, Alessandro Fabbri e Federico Gnesini.