Firenze, 2 febbraio 2017 - Un gioiello che torna alla città. Si conclude il restauro dell'Istituto degli Innocenti. E uno dei pezzi forti è la rinascita del Museo, con un nuovo allestimento e, tra l'altro, anche 22 opere restaurate. Un momento molto importante per Firenze, che ritrova il cortile e la facciata storiche, progettate dal Brunelleschi. Sono serviti 12 milioni di euro per il restauro. La Regione ha contribuito con un finanziamento di sette milioni, mentre supporti economici importanti sono arrivati dai privati, che hanno provveduto al restauro di oltre venti opere. 

"Siamo arrivati oggi alla conclusione di un percorso che ha visto impegnati sia il precedente consiglio di amministrazione che questo – ha dichiarato la presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida -. L'Istituto degli Innocenti è un patrimonio etico e storico-artistico unico al mondo che ha un legame inossidabile con la città di Firenze e con i fiorentini. Per noi con oggi si chiudono 4 anni nei quali molte scommesse sono state vinte. Desidero ringraziare tutti gli enti, le istituzioni e i soggetti privati che ci hanno accompagnati in questo percorso permettendoci di arrivare al risultato".

Inaugurato il 24 giugno 2016, il Museo degli Innocenti si presenta oggi arricchito sia nel percorso architettonico, con la conclusione dei lavori di ripristino dalla facciata e dei cortili monumentali, sia nel percorso storico, con l’aggiunta della sala dedicata al Novecento, che in quello artistico, con il nuovo allestimento dedicato ai due Putti di Andrea Della Robbia rimasti all’interno della Galleria e quello dedicato all’arte devozionale. Nell’arco di sei mesi il Museo ha accolto più di 53.000 visitatori.

Conclusi i lavori di restauro della facciata su piazza SS. Annunziata, sono stati riposizionati otto dei dieci Putti in terracotta invetriata, simbolo dell’Istituto degli Innocenti. Riportati all’antico splendore anche gli affreschi di Bernardino Poccetti che decorano la campata centrale del portico esterno. Il restauro ha coinvolto anche i due cortili interni: il Cortile degli Uomini, progettato da Filippo Brunelleschi e il Cortile delle Donne, sovrastato dal Verone, ripristinati nella pavimentazione, negli intonaci, nelle decorazioni murarie, nei lapidei.

Si ampliano intanto gli spazi della Bottega dei Ragazzi, adesso direttamente accessibili dal Bookshop del Museo. Circa 500 metri quadri completamente restaurati, tre stanze dedicate ai laboratori per bambini e attività per scuole e famiglie, una sala polifunzionale (dominata dall’affresco di Bernardino Poccetti) e una sala dedicata all’accoglienza. È qui che si svolgeranno le attività per grandi e piccoli visitatori in occasione dell’Open Day di domenica 5 febbraio: dalle 11:00 alle 16:00 lo staff della Bottega dei Ragazzi, della Fondazione Primo Conti e dei Musei di Fiesole organizzerà laboratori, giochi e attività didattiche. Con l’occasione bambini e accompagnatori potranno visitare gratuitamente il cortili degli Uomini e quello delle Donne. La giornata è organizzata dall'Istituto in collaborazione con Fila Giotto, colore ufficiale del Museo degli Innocenti e Unicoop Firenze, partner del Museo degli Innocenti e della Bottega dei Ragazzi.