Firenze, 5 novembre 2016 - Quello di Meredith Kercher è in assoluto uno dei casi di cronaca nera più seguiti dalla stampa internazionale, e dall’opinione pubblica, degli ultimi anni. ll diario di quel processo, con tanti lati oscuri ancora da sciogliere, ora è un libro “Processo Meredith: giustizia perfetta?” (edizioni Ets), scritto da Francesco Paolo Maresca, l’avvocato della famiglia di Meredith.

“Probabilmente il mondo si è appassionato al caso perché è una storia di mistero, riguardante gente comune, in cui si mischiano tre temi che da sempre hanno attratto in maniera morbosa l’attenzione della gente: soldi, sangue e sesso” spiega l’avvocato Maresca, a margine della presentazione del suo libro alla libreria Ibs.

Queste pagine sono il racconto del lungo e doloroso percorso del processo Meredith: da quel giorno in cui l’avvocato Maresca entrò nell’appartamento di via della Pergola “e pensai che quella casa fosse il perfetto scenario per un omicidio”, fino al 28 marzo 2015, data della sentenza di assoluzione senza rinvio dei due imputati Raffaele Sollecito e Amanda Knox.

L’avvocato Maresca, titolare di uno dei più importanti studi di avvocati in Italia, negli ultimi anni ha partecipato a importanti processi di rilievo nazionale e internazionale, tra questi il processo Meredith appunto, e il calcio scommesse.