Ancora un avvallamento sulla strada Fi-Pi-LI, in una zona particolarmente delicata, sempre in corrispondenza della Via di Carcheri, Via delle Fonti poco distante da Inno. E sul tema scende in campo Legambiente di Lastra a Signa pronta a lanciare una petizinoe popolare. "Facciamo appello alle...

Ancora un avvallamento sulla strada Fi-Pi-LI, in una zona particolarmente delicata, sempre in corrispondenza della Via di Carcheri, Via delle Fonti poco distante da Inno. E sul tema scende in campo Legambiente di Lastra a Signa pronta a lanciare una petizinoe popolare. "Facciamo appello alle Autorità competenti e in primo luogo alla Regione Toscana che prendano atto che questa strada Fi-PI-LI, non è in grado di reggere il traffico ormai insopportabile di mezzi pesanti, è necessario cercare di dirottare quel traffico in altre direzioni, assumendo dei provvedimenti urgenti o con una esenzione o riduzione del pedaggio sulla Firenze –mare per i mezzi pesanti".

Insomma, basta con "le continue promesse di allargamento con altre corsie cosa questa di difficile realizzazione e comunque che necessitano di anni e anni per la realizzazione". Secondo Legambiente è necessario "un ripensamento a tutto il sistema infrastrutturale Regionale, che non può risolversi con costruzioni di ulteriori bretelle e bretelline stradali, crediamo che debba essere rivisto il trasporto merci inserendo il sistema ferroviario come elemento di forte innovazione, e sicuramente inserire nella realizzazione dei nuovi Interporti piattaforme ferroviarie, e proprio sulla tratta Livorno Pisa Firenze non sarebbe una cosa complicata". Infine un invito a Regione e Città Metropolitana a "realizzare e completare in tempi certi quelle barriere antirumore nella zona di Inno, zona che ha già subito tutti i possibili disagi".

Li.Cia.