Firenze celebra l’inserimento nell’Unesco con le Passeggiate Patrimoniali

Fino al 7 gennaio un fitto calendario di appuntamenti gratuiti in occasione dell'anniversario dell’inserimento del centro storico di Firenze nella lista del patrimonio mondiale Unesco

Firenze  (foto Ansa)
Firenze (foto Ansa)

Firenze, 31 dicembre 2023 – Continuano fino al 7 gennaio le Passeggiate Patrimoniali, pensate dall’Ufficio Firenze patrimonio mondiale e rapporti con Unesco del Comune di Firenze e Mus.e in occasione dell'anniversario dell’inserimento del centro storico di Firenze nella lista del patrimonio mondiale Unesco. Le passeggiate sono concepite attraverso il progetto Firenze Forma Continua, con l’obiettivo di diffondere la storia della città di Firenze e favorire connessioni tra il territorio, le persone e il patrimonio. Sviluppato con il supporto del Laboratorio Heritage and Research (HeRe Lab, laboratorio congiunto tra il Comune di Firenze e l’Università degli Studi di Firenze), gli obiettivi del progetto Firenze Forma Continua sono la riappropriazione del tessuto cittadino da parte della comunità e la trasmissione dei suoi valori alle generazioni future. Gli itinerari, in italiano e in inglese, in programma fino al 7 gennaio, portano i visitatori a scoprire le zone meno conosciute del centro storico, architetture, scorci e storie di Firenze altamente suggestivi e ad approfondire la conoscenza della città, del tessuto urbano e delle aree paesaggistiche che contribuiscono all’Eccezionale Valore Universale del sito. Se, infatti, il centro storico di Firenze fu incluso nella lista del patrimonio mondiale Unesco perché “una realizzazione unica nel suo genere, un capolavoro d’opera, risultato di una continua creazione protrattasi per oltre sei secoli”, la sua fruizione culturale è troppo spesso limitata ai monumenti principali e alle vie più note, rinunciando a cogliere l’articolato tessuto di luoghi, relazioni e attività che è tuttora idealmente racchiuso dalla cerchia muraria: uno degli elementi più significativi per comprendere l’evoluzione storica di Firenze, denso di riferimenti e di curiosità. Ed è proprio a partire da questo perimetro – oggi ancora testimoniato dalle porte, torri, fortezze e dalle mura dell’Oltrarno, conservatesi quasi integralmente – che sono stati sviluppati tre distinti itinerari patrimoniali, centrati su aree nevralgiche della storia e della vita di Firenze. Il percorso a nord della città, intorno a Porta San Gallo “Nuove tracce di antiche relazioni” (in programma il 5 gennaio); quello a sud, lungo le mura d’Oltrarno “Ripensare il margine” (in programma il 6 gennaio); quello intorno a San Miniato al Monte (in programma il 7 gennaio). Con quest’ultimo itinerario si ricorda peraltro come il sito Patrimonio Mondiale abbia conosciuto un significativo ampliamento nel 2021, andando ad abbracciare proprio quest’area. Maurizio Costanzo 

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro