Sangue e plasma d’estate. Il contributo dei dipendenti. Settimana della donazione

I lavoratori della Asl Toscana centro uniti per potenziare il sistema trasfusionale . Lo scopo (riuscito nel 2023) è di evitare il ricorso alla compensazione extra-regionale . .

Sangue e plasma d’estate. Il contributo dei dipendenti. Settimana della donazione

Sangue e plasma d’estate. Il contributo dei dipendenti. Settimana della donazione

EMPOLI

Il servizio trasfusionale della Asl Toscana centro ha organizzato la settimana della donazione di sangue dei dipendenti aziendali (8-14 luglio). Si tratta di una delle iniziative messe in campo per contribuire all’autosufficienza estiva di sangue ed emocomponenti e contrastare la diminuzione delle donazioni che caratterizza i periodi estivi. Il piano di obiettivi definito “Progetto estate” ha lo scopo di evitare (come riuscito nel 2023) il ricorso alla compensazione extraregionale di sangue. Nell’ambito di queste iniziative l’assessore al Welfare della regione, Simone Bezzini, ha inviato una lettera a tutti i dipendenti delle aziende sanitarie toscane (nella sola Toscana Centro sono più di 15.000), per raccomandare loro di contribuire a questo sforzo del sistema trasfusionale regionale.

"Dalla disponibilità di sangue dipende circa il 70 per conto delle attività sanitarie – dice il direttore della Medicina Trasfusionale Firenze Empoli, Franco Vocioni – e il sangue non si può “costruire” in laboratorio. Solo la donazione di sangue può garantirne la disponibilità e in Toscana, d’estate eravamo costretti a ricorrere al supporto di altre Regioni. Dietro suggerimento della donatrice e direttrice sanitaria Simona Dei, abbiamo programmato dei giorni di donazione rivolti a tutti i dipendenti aziendali. Nella settimana dall’8 al 14 luglio saranno allestiti in vari ospedali dell’azienda appositi punti informativi e durante le stesse mattine (e in alcuni casi anche di pomeriggio/sera) sarà possibile ai centri trasfusionali degli ospedali, per donare il sangue o intraprendere le attività necessarie per diventare donatori. Naturalmente sarà sempre possibile recarsi anche alle unità di raccolta associative e informarsi e associarsi tramite le associazioni di donatori che sono come sempre parte insostituibile del sistema trasfusionale toscano".