Operatori al telefono di un centralino: per chi vuol parlare con Asl e Inps sono tempi duri (Foto d’archivio)
Operatori al telefono di un centralino: per chi vuol parlare con Asl e Inps sono tempi duri (Foto d’archivio)

Empoli, 11 gennaio 2019 - Empoli, abbiamo un problema. E pure bello grosso. Tutte le linee telefoniche che fanno capo a uffici e strutture varie sul territorio dell’Azienda sanitaria (come Case della salute, ad esempio) sarebbero drammaticamente obsolete al punto che viaggiano a corrente alternata. Tradotto: funzionano regolarmente quando pare a loro, nei giorni e nelle ore che decidono di funzionare davvero. Sarebbe questo, dunque, il problema (ormai cronico) che costantemente i cittadini e i nostri lettori segnalano anche a La Nazione: «E’ impossibile parlare con l’Asl, non risponde mai nessuno, squilla sempre a vuoto». Infatti non è che non ci sia nessuno, anzi gli operatori ci sono eccome e sono talmente consapevoli del problema strutturale che, per aiutare l’utenza in difficoltà, in qualche struttura hanno deciso di attivare il trasferimento di chiamata dai numeri ‘ballerini’ e malfunzionanti ai propri cellulari, così da poter rispondere ogniqualvolta ce ne sia l’esigenza.

La conferma a tutto questo, oltre alle ripetute segnalazioni degli utenti, arriva dall’interno della stessa Asl. "La gente è incavolata – dicono i lavoratori – perché magari chiamano una struttura dell’Asl di mattina e il telefono squilla a vuoto, facendo credere che nessuno è a lavoro o pensa di rispondere a telefono, ma noi siamo qui".

Il problema, come detto, è l’estrema anzianità del sistema telefonico dell’Asl empolese.Un problema che però, secondo l’azienda sanitaria, sarebbe in via di risoluzione, almeno per il Cup. «I problemi tecnici che si sono registrati nei giorni scorsi al Cup telefonico – si legge in una nota emessa ieri sera – non sono dovuti a un guasto ma a lavori attualmente in corso per la sostituzione delle quattro centrali telefoniche delle ex aziende sanitarie (Firenze, Empoli, Pistoia e Prato) con una nuova centrale telefonica di ultima generazione». E qui casca l’asino: «Che non sarà operativa prima di diverse settimane».

"Il sistema del Cup funziona regolarmente – aggiunge l’azienda – ma può registrare, come avvenuto negli ultimi giorni, qualche interruzione o rallentamento, dovuti a sovraccarichi di linea telefonica che richiedono tempi di risposta un po’ più lunghi. Per questo non si esclude che qualche disagio possa manifestarsi anche nei prossimi giorni".

Dulcis in fundo, la speranza: la nuova centrale telefonica per il Cup. "Saranno a disposizione circa trecento linee telefoniche in ingresso e il nuovo centralino avrà un unico numero telefonico per tutta l’Asl. Il nuovo sistema permetterà di uniformare la modalità di accesso al servizio di prenotazione". Grazie e molto per il Cup, pensa l’utente, e il resto?

r. e.