Toscana, mèta degli sposi di tutto il mondo
Toscana, mèta degli sposi di tutto il mondo

Firenze, 17 febbraio 2020 - Toscana capitale del wedding, anche grazie a una nuova edizione del Wim, grande evento dedicato al tema. Si terrà il 18 e 19 marzo la terza edizione del “Wedding Industry Meeting”, appuntamento dedicato alle aziende che operano nel settore dei matrimoni e, in modo particolare, al segmento turistico incentrato sulle nozze di stranieri nelle location da sogno del nostro Paese. Un settore nel quale la Toscana ha un ruolo sempre più centrale. LA sede sarà   La Bagnaia Golf&Spa Resort Siena, Curio Collection by Hilton.

«La Toscana - ha detto l'assessore regionale al turismo, Stefano Ciuoffo nel presentare l'evento - è da tempo attenta a questo segmento turistico. In pochi anni si è creato un mercato forte, con offerta specifica e la Toscana è diventata protagonista a livello nazionale, con cifre importanti. Oltre alla qualità del paesaggio, della presenza di ville e di luoghi di assoluto fascino, si aggiunge la capacità d’impresa. I comuni hanno aiutato, semplificando gli aspetti procedurali e permettendo di venire incontro a tutte le necessità degli sposi. Mentre altri stanno immaginando un metodo, in Toscana questo è già collaudato».

Secondo un recente studio realizzato dal Centro Studi Turistici e commissionato da Toscana Promozione Turistica i matrimoni di stranieri in Toscana nel 2018 sono stati 2.713, con un numero medio di invitati pari a 49,3, una spesa a evento di 59mila euro e un fatturato totale di 160,2 milioni. Gli arrivi stimati nella regione sono stati 134mila e 546mila le presenze. Tra i mercati di riferimento, il Regno Unito si conferma al primo posto, con il 31,4% di eventi, seguito dagli Usa con il 23%, Germania con il 6,4% e Australia 5,6%. Tra le città più richieste c’è ancora Firenze, ma va molto bene anche l’area senese.

Già lo scorso anno Wim ha registrato oltre 200 presenze di operatori del settore e circa 1500 meeting B2B. La nuova edizione sarà distribuita su due giornate all’insegna di appuntamenti programmati tra wedding planner e fornitori del territorio, come location, catering, fioristi e hotel a 4/5 stelle.

Lisa Ciardi