Premio Viareggio Rèpaci, premi speciali in attesa del gran finale

Il Premio Viareggio-Rèpaci si avvicina alla sua 95^ edizione con l'attesa per la serata di premiazione che premierà autori di narrativa, poesia e saggistica. La giuria ha già assegnato alcuni riconoscimenti speciali, tra cui il "Premio Internazionale" e il "Premio Giornalistico". La serata finale si terrà il 27 luglio, con la proclamazione dei vincitori delle varie categorie.

Premio Viareggio Rèpaci,  premi speciali in attesa del gran finale

Premio Viareggio Rèpaci, premi speciali in attesa del gran finale

VIAREGGIO

Comincia il conto alla rovescia per la serata di premiazione della 95^ edizione del Premio Viareggio-Rèpaci, il riconoscimento letterario dedicato a opere di narrativa, poesia, saggistica, che, ormai dal 1929, è un appuntamento culturale fondamentale, per la città e la nazione tutta.

Si terrà sabato 27 luglio, successiva all’incontro del venerdì in Piazza Mazzini, dove gli autori dei libri in dialogo con la giuria presenteranno al pubblico le loro opere, la serata finale con la proclamazione del vincitore per la categoria narrativa, con i candidati Silvia Avallone, Federica De Paolis e Marcolo Lodoli, così come dei vincitori delle altre sezioni. E in attesa del gran finale, sono stati annunciati i vincitori dei premi speciali, quali “Premio Internazionale“, “Premio Giornalistico“ e “Premio Opera Prima“. La giuria, presieduta da Paolo Mieli e composta da Leonardo Colombati, Luca Alvino, Maria Pia Ammirati, Camilla Baresani, Giorgio Biferali, Maria Borio, Gabriella Buontempo, Diamante D’Alessio, Francesca Ferrandi, Costanza Geddes da Filicaia, Emma Giammattei, Luciano Luciani, Edoardo Nesi e Mirella Serri, ha assegnato il primo riconoscimento ad Anita Likmeta, imprenditrice nata a Durazzo, in Albania, durante il regime comunista di Enver Hoxha, naturalizzata italiana, che ha pubblicato nel 2024 il suo primo romanzo “Le favole del comunismo“. Il “Premio Giornalistico“ è stato conferito a Giovanna Reanda, giornalista professionista dal 1997, che è stata corrispondente parlamentare e membro del Direttivo dell’Asp e di Stampa Romana e, da quest’anno, nuova direttrice di Radio Radicale.

Alice Valeria Olivieri, invece, si è aggiudicata il riconoscimento per le opere prime. Oliveri, giornalista e autrice, dal 2014 si occupa di televisione, cinema, musica e nuovi media collaborando con diverse riviste e con Mediaset Infinity, dal 2019 è analista nel programma Rai3 Tv Talk, dal 2023 è autrice e host del podcast “Il decennio breve“, e, proprio nel 2023, ha pubblicato il suo primo romanzo “Sabato champagne“, edito da Solferino e nel 2024, “Mondovisione. Atlante della tv contemporanea“ per Einaudi.

Saranno annunciati, inoltre, il 10 luglio, anche i premiati per le categorie di poesia e saggistica che vedono in lizza rispettivamente Stefano Dal Bianco, Mariangela Gualtieri, Laura Pugno e Pierluigi Battista, Francesco Gambino e Vincenzo Trione.