Pisa, 18 ottobre 2021 - Aperta la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Pisa alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dopo una visita di circa mezz'ora dentro il Palazzo della Sapienza, nel centro storico di Pisa, il corteo presidenziale si è spostato al PalaCus, dove al saluto del rettore Paolo Mancarella e all'intervento del ministro dell'Universita e della Ricerca Maria Cristina Messa seguiranno quelli di alcuni rappresentanti di studenti, personale tecnico amministrativo e di ricerca. Mattarella sta assistendo dalla platea, assieme alle autorità cittadine, alla cerimonia che sarà conclusa dal Coro e dall'Orchestra dell'Ateneo.

Covid oggi 18 ottobre: bollettino Italia e dati dalle regioni

L'ultima tappa della sua visita a Pisa è nella residenza del Gombo, dentro il Parco di San Rossore, dove il presidente è arrivato poco dopo mezzogiorno e nel pomeriggio incontrerà i giovani del progetto "Siete presente" della Regione Toscana.

Le parole di Mattarella

"Questo anno accademico è un nuovo inizio, per le condizioni che abbiamo attraversato e per quello che riaprire l'attività accademica rappresenta. La vita ci pone sovente davanti a nuovi inizi, siamo sempre chiamati a nuovi inizi" ha sottolineato il Capo dello Stato ribadendo che "ci vuole "una grande fiducia nel futuro, una grande apertura".

C'è una «deriva antiscientifica che si registra un po' ovunque, anche nel nostro paese, sia pure in piccole dosi», «che porta a bloccare il futuro e riportare tutto al passato. Noi dobbiamo molto alla scienza. Abbiamo passato un periodo lungo, che non dobbiamo dimenticare, anche per rispetto ai morti. Tutto questo è alle spalle perché la scienza ci ha consegnato i vaccini, perché le misure di distanziamento e le mascherine hanno sconfitto, o almeno speriamo di averlo fatto, il contagio». Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Pisa.

Segui la diretta di "Giovani sì" 

La partecipazione del Presidente Mattarella all'inaugurazione del nuovo anno accademico arriva a dieci anni esatti da quella di Giorgio Napolitano, che intervenne alla cerimonia di apertura dell'anno accademico 2011-2012. Allora ricorreva il 150mo Anniversario dell'Unità d'Italia, questa volta, invece, il 75mo del 'referendum istituzionale' che sancì la nascita della Repubblica e del primo insediamento dell'Assemblea costituente.

image

 

L'intervento del ministro dell'istruzione Maria Cristina Messa

"Questa cerimonia cade a ridosso di alcuni eventi di segno opposto, da un lato il riconoscimento alla qualità della ricerca con il Nobel a Parisi e la pubblicazione delle linee guida per l'attuazione del Pnrr. Dall'altro episodi legati ai concorsi, che fanno, sebbene isolati e a prescindere dalla fondatezza o meno, fanno rumore e danno. Occorre fare chiarezza. La comunità scientifica è una comunità sana".

Lo ha detto il ministro dell'Istruzione e della ricerca Maria Cristina Messa intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Pisa, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L'università, ha aggiunto "ha anticorpi a sufficienza per reagire e autoregolarsi ma deve misurarsi, tra le altre cose, con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra tradizione e innovazione, e definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossimo allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta". Per Messa, "è un tema da affrontare tenendo altresì conto che all'università sono state attribuite molte più funzioni rispetto a quelle originarie, rubricate nel macro spazio della Terza missione".

"Pisa è pronta a ripartire", l'intervento del sindaco di Pisa Michele Conti