Loqui, Menabòh e Dot zero: ecco le imprese vincitrici del concorso “START UP SOSTENIBILI”

Le tre imprese innovative gestite da under 35 sono state premiate lunedì scorso all'interno dell’Innovation Center di Fondazione CR Firenze, nell'ambito del concorso promosso dalla Fondazione CR Firenze e dal Rotary Club Firenze

Un momento della premiazione
Un momento della premiazione

Firenze, 6 dicembre 2023 - Loqui, Menabòh e Dot zero, rispettivamente imprese con servizi di sostegno psicologico online, progetti per la moda ecosostenibile e startup che progetta scarpe con gli scarti della lavorazione del legno: sono loro le tre le realtà selezionate con il bando di concorso “Start Up Sostenibili”, premiate lunedì scorso presso The Stellar, all'interno dell’Innovation Center di Fondazione CR Firenze. Il concorso, sostenuto dal Rotary Club Firenze e dalla Fondazione CR Firenze in collaborazione con Nana Bianca, è dedicato agli under 35 anni della Città Metropolitana di Firenze, ed intende premiare startup operanti nel territorio che valorizzano - con progetti specificamente dedicati - il tema della sostenibilità ambientale e della salute delle persone. “Il bando – spiegano i promotori - ha voluto valorizzare progetti imprenditoriali caratterizzati da un elevato grado di originalità e creatività, incoraggiando soluzioni innovative che affrontino le sfide ambientali e sanitarie contemporanee. Le startup partecipanti hanno dovuto dimostrare la capacità di generare valore economico attraverso progetti sostenibili, che possano promuovere al contempo un impatto positivo sulla comunità e sull’ecosistema. La valutazione dei progetti ha tenuto conto dell’effettivo impatto positivo sulle tematiche ambientali e sanitarie, incoraggiando pratiche e soluzioni che contribuiscano a migliorare la qualità della vita e la salute delle persone.” La commissione ha scelto come primo classificato Loqui, un progetto che mira a semplificare il processo di individuazione dello psicologo andando ad istituire una piattaforma che mette in contatto psicologi e famiglie-pazienti. L’obiettivo è quello di fornire servizi di salute mentale accessibili a tutti garantendo un sostegno e la prevenzione tramite un contatto da remoto o con l’uso di chat. Secondo classificato è Menabòh, un progetto volto a creare un marketplace all’interno del quale il cliente ha la possibilità di scegliere tra vari fashion designer quello che, più vicino ai propri gusti estetici, possa realizzare sul suo capo ormai inutilizzato una modifica tale da renderlo unico, innovativo, ridando vita in questo modo ad un prodotto obsoleto. Terzo classificato è Dot zero, che progetta sneaker ottenute solo con uso di prodotti riciclati, in particolare con lo scarto di lavorazione del legno che danno alla scarpa le caratteristiche estetiche e meccaniche classiche dei prodotti plastici. I contributi del primo, secondo e terzo premio serviranno a supportare lo sviluppo dei progetti delle startup vincitrici. I vincitori inoltre avranno l’opportunità di accedere a programmi di mentorship da parte di esperti del settore e a iniziative di visibilità mediatica per promuovere i loro successi. Caterina Ceccuti