I 100 anni dell’Aci: oggi c’è Ruote nella Storia

Il raduno d'auto d’epoca parte da Arezzo e arriva a Castiglion Fiorentino

mennini

mennini

Arezzo, 8 ottobre 2023 – L'impegno per la sicurezza stradale, i primi 30 iscritti, la prima sede di piazza Umberto I l’attuale San Francesco. C’è tutto questo e molto altro nel racconto dei primi 100 anni di Aci Arezzo. Una storia raccolta nel libro che celebra il traguardo del club aretino e ripercorre le tappe cruciali della vita cittadina sul fronte dello sviluppo urbano e stradale. In principio, l'Auto Moto Club era una sorta di sodalizio che contava i pochi proprietari di vetture in circolazione per le strade di Arezzo. Negli anni post bellici ha ricoperto ruoli chiave nella stesura del piano del traffico cittadino. Oggi, oltre a essere punto di riferimento per tanti associati, è una delle realtà più attive nella promozione di una corretta cultura della sicurezza stradale. Sono trascorsi 100 anni da quando è stata fondata l'Aci Arezzo. Un secolo intero di storia ripercorso nel libro firmato da Enzo Roncolini e che ha anticipato il raduno di auto d'epoca "Ruote nella storia” in programma oggi. "Nel libro non viene solo celebrato il traguardo di Aci – dice Bernardo Mennini, presidente di Aci Arezzo – ma anche ripercorsa la storia della città e del nostro territorio dal punto di vista viario e stradale”. Dal 1923, quando ancora c'erano le strade sterrate fino ad oggi, Aci è cresciuta e ha assunto un ruolo di primo piano del tessuto sociale fornendo sempre più servizi. Nel volume un racconto fatto di foto e documenti, dal ruolo di Aci nella promozione delle competizioni sportive all’impegno nella diffusione della sicurezza stradale. Nel libro "Cento anni di Automobile Club" la storia di come tutto è cominciato: il 6 ottobre 1923 in esito alla nascita del "Raci" nazionale, l'assemblea dei soci approvava la trasformazione dell'Auto-Moto Club aderente ad Aci nel Reale Automobile Club Arezzo.

Oggi le celebrazioni andranno avanti con Ruote nella Storia”, raduno d’auto d’epoca di Aci Italia che farà tappa ad Arezzo e Castiglion Fiorentino. Sono attese tra le altre, una Fiat 1200 Spider del 1962, una Citroen D Super 5 del 1973, una Lancia Appia del 1959, una Porsche 924 del 1983, una Fiat 110 Barchetta del 1948, una Maserati Merac del 1973, una Ferrari Mondial t del 1991 e decine di altri meravigliosi modelli dalla storia e dal design. Circa 90 gli storici veicoli, che nella mattina di oggi daranno vita a un vero spettacolo.«Si tratta del più importante evento legato ai 100 anni dell’Aci – dice Mennini - Un raduno di stampo nazionale il cui obbiettivo non è solo attrarre appassionati delle quattro ruote ma anche turismo, promuovendo i nostri territori: aretino e castiglionese». La partenza dalla sede di Arezzo in viale Signorelli, dove prima di mettersi al volante il Club offrirà una colazione ai partecipanti. Poi gas: la carovana si muoverà verso lo Scopetone, passerà da Palazzo del Pero, fino a Castiglion Fiorentino. Da qui si tornerà ad Arezzo, attraversando le vie più importanti del centro storico fino al Prato, dove saranno parcheggiate le vetture. Sotto le Logge pranzo sociale e premiazione. L’evento conclusivo del centenario di Aci Arezzo, si terrà il 16 e 17 dicembre, sarà l’occasione anche mediante allestimenti fotografici e altre iniziative, per ripercorrere le tappe sportive e istituzionali dell’anno del centenario.