SANSEPOLCRO
Cronaca

"Un contentino per Porta Romana". Campagna Amica, mercato a metà

I commercianti del rione mostrano fiducia anche se gli ambulanti del settore alimentare erano solo cinque "Per ora prendiamo per buono il fatto che un qualcosa di nuovo c’è stato". Il nodo dei parcheggi.

"Un contentino per Porta Romana". Campagna Amica, mercato a metà

"Un contentino per Porta Romana". Campagna Amica, mercato a metà

di Claudio Roselli

Alla fine, il bilancio è da considerare sufficiente, nel senso che è stato il primo giorno con le sue inevitabili implicazioni, ma i margini di miglioramento ci sono tutti. Nella mattinata di ieri, il mercato dei prodotti alimentari a chilometro zero, quelli di "Campagna Amica", ha sperimentato il cambio di ubicazione a da Porta Tunisi a Porta Romana. Cinque gli operatori presenti, come d’altronde nei giovedì precedenti e tutti dislocati in piazza Antonio Gramsci, appena fuori le vecchie mura. Salumi, ortaggi, frutta, formaggi e pesce le tipologie e clientela fidelizzata che non si è tirata indietro, perché per determinati prodotti, nei quali la genuinità e la garanzia della provenienza sono tutto, l’ambulante di fiducia occupa un ruolo fondamentale. E loro stessi sono fiduciosi.

"Il posto è bello, siamo più inseriti nel contesto del centro storico e questo favorisce un maggiore afflusso anche da parte di gente che magari finora non ci conosceva", ha detto uno di essi. Un collega ha poi aggiunto: "Qui vi sono prospettive maggiori, perché la piazza attigua – quella di Santa Marta – è ancora vuota e quindi la maggiore disponibilità di spazio potrebbe invogliare altri ambulanti a unirsi a noi e a rendere il mercato più ricco di offerte". Un terzo che proviene dal Casentino è stato più sostanziale nella risposta: "Il segreto è sempre e comunque la qualità dei prodotti. La nuova location va bene, mi piace, ma alla resa dei conti la differenza la fa il singolo con ciò che vende. Se conquisti il cliente, poi difficilmente lo perdi".

Sul piano logistico, in effetti, di box potenziali da occupare ve sono, per cui le prospettive di ampliamento diventano concrete. Anche i commercianti del rione mostrano fiducia: "Un pò più di movimento si è notato – ha detto il barista di piazza Santa Marta – e questo è senza dubbio positivo, anche se la presenza degli operatori di Campagna Amica ha tanto il sapore del contentino che ci è stato dato dopo il trasferimento del mercato del martedì a Porta Fiorentina. È ovvio che, anche a livello di numeri, le sue dimensioni sono inferiori, ma il fatto che si tratta di prodotti alimentari può essere di aiuto. Vediamo cosa succederà in seguito: per ora, prendiamo per buono il fatto che un mercato comunque è tornato". Un’altra implicazione è stata sollevata dal vicino ristoratore: "Se avessero direttamente portato i banchi in piazza Santa Marta, sarebbero rimasti dei posti auto liberi in piazza Gramsci e quindi anche il problema dei parcheggi sarebbe stato in larga parte risolto, né credo che vi sarebbero stati problemi di sicurezza. Per il resto, ben vengano a Porta Romana i commercianti dei cibi sani".