Santo Spirito alla svolta. Derby Barberini-Magi. Meoni pronto a sfilarsi. Giovedì c’è il consiglio

La Colombina si prepara al dopo-Gori: iniziano le grandi manovre. Il maestro d’arme potrebbe fare il passo indietro se manca unanimità. In pole position rimangono l’ex capitano e l’attuale vice rettore.

Santo Spirito alla svolta. Derby Barberini-Magi. Meoni pronto a sfilarsi. Giovedì c’è il consiglio

Santo Spirito alla svolta. Derby Barberini-Magi. Meoni pronto a sfilarsi. Giovedì c’è il consiglio

Il quartiere di Porta Santo Spirito inizia a costruire il dopo Ezio Gori, il rettore dei record che ha portato nella rastrelliera dei Bastioni 13 lance d’oro, ha ingaggiato anni fa Martino Gianni come allenatore, ed ha creato con lui e con tutta la squadra tecnica quell’accoppiata di campioni che tutt’ora sono Gianmaria Scortecci ed Elia Cicerchia.

La riunione del consiglio direttivo per scegliere il nuovo rettore gialloblù è stata fissata per giovedì prossimo, giorno in cui dovrebbe fare l’ingresso in consiglio il primo dei non eletti Niccolò Pino.

Ma intanto sono iniziate la grandi manovre con contatti e novità importanti. Il ballottaggio per il ruolo di rettore si sarebbe già ridotto tra due candidati.

Il giovane Riccardo Meoni, attualmente maestro d’arme, avrebbe infatti preannunciato un passo indietro. Alla base della scelta ci sarebbe la convinzione che per una carica importante come quella di rettore ci vuole l’unanimità, cosa che con tre concorrenti sarebbe una chimera.

Meoni gode comunque di numerosi consensi all’interno del quartiere della Colombina e c’è il caso che punti direttamente alle elezioni del prossimo anno per il rinnovo dei consigli direttivi dei quattro quartieri.

Il ruolo di "traghettatore", dovrebbe dunque essere rivestito da Giacomo Magi o da Fabio Barberini, che hanno dato entrambi la disponibilità ad assumere l’incarico che è stato di Gori per quasi 15 anni. Giacomo Magi, dirigente di Confartigianato, attuale vice rettore, negli ultimi tempo ha già sostituito numerose volta nel ruolo di rettore Ezio Gori, in cerimonie ufficiali, ma anche nelle riunioni del consiglio direttivo. Fabio Barberini, uno dei veterani del quartiere, capitano plurivittorioso, ha fino ad ora dato il suo contributo principalmente nelle scuderie Edo Gori a San Marco.

Resterà da vedere chi sceglierà il consiglio per questo ultimo anno di mandato. E comunque la macchina di Santo Spirito andrà avanti senza troppi problemi, come ha sottolineato anche il rettore dei record Ezio Gori nella sua lettera di addio che ha mandato al consiglio e divulgato anche per i soci.

"Il mio cuore soffre – si legge nella lettera scritta da Ezio Gori – ma le risorse umane presenti oggi a Santo Spirito mi danno tranquillità e serenità per poter guardare con incondizionata fiducia al futuro del mio quartiere, sicuro che i successi continueranno in ogni campo, da quello tecnico a quello sociale, raccogliendo il contributo di tutti per continuare il nostro progetto. Il mio non è un addio, quando la mia situazione familiare me lo consentirà sarò sicuramente di nuovo al quartiere, da quartierista, insieme a tutto il popolo gialloblù a sostenere e spingere Santo Spirito verso gli obiettivi che dovranno essere quelli di sempre: primi in tutto".