La salute mentale in un festival. Un viaggio con Andreoli e Massini

Ospiti della prima edizione presentata ieri anche lo psichiatra Paolo Milone e il cantautore Lorenzo Baglioni. Eventi dal 20 al 24 febbraio, in arrivo in città lo scrittore Fabio Stassi e la regista Susanna Nicchiarelli.

La salute mentale in un festival. Un viaggio con Andreoli e Massini

La salute mentale in un festival. Un viaggio con Andreoli e Massini

Gli psichiatri Vittorino Andreoli e Paolo Milone, il drammaturgo Stefano Massini, lo scrittore Fabio Stassi, il cantautore Lorenzo Baglioni, sono tra gli ospiti del primo Festival della salute mentale. Tra i temi chiave disabilità mentale e inclusione, benessere mentale dei giovani, conservazione e valorizzazione della memoria manicomiale, in particolare dell’ex-ospedale psichiatrico del Pionta. L’evento si terrà al Campus universitario, al Teatro Pietro Aretino, al Cinema Eden, al Museo di Casa Vasari, a Casa Bruschi, alla Sala Vasariana, al palazzo storico di via Pellicceria e in altri luoghi della città. Dal 20 al 24 febbraio, in arrivo un ricchissimo programma di eventi culturali e sportivi, spettacoli, mostre, film, laboratori, visite turistiche, incontri con scrittori e artisti e un contest per gli studenti delle scuole. Sono oltre trenta gli appuntamenti in programma all’insegna del benessere, della salute e dell’inclusione. Molte le iniziative con la partecipazione di docenti dell’Università di Siena. La partecipazione è aperta a cittadini, studenti universitari e delle scuole, bambini, professionisti della sanità e dell’educazione.

"Questo Festival promosso dall’Università e che si sviluppa ad Arezzo – dicono il vicesindaco Lucia Tanti e l’assessore alle Politiche Giovanili Federico Scapecchi - è la dimostrazione di un rapporto istituzionale che vuol essere duraturo e costante nella volontà di fare di Arezzo una Città universitaria a tutti gli effetti". Il Festival della Salute Mentale è promosso da Università di Siena, Azienda Usl Toscana sud est e Feltrinelli Librerie col patrocinio del Comune.

"Il festival nasce da un confronto tra università, enti e istituzioni del territorio per aprire uno spazio di ripensamento accademico, medico e culturale sulle pratiche di cura e inclusione, avviare una più stretta collaborazione tra ateneo, asl e istituzioni scolastiche per migliorare il benessere dei giovani, aumentare la consapevolezza della salute mentale", ha detto la professoressa Simona Micali, che coordina il comitato organizzatore: Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero, per alcuni è prevista la prenotazione. Il programma parte martedì 20 febbraio con Prove di futuro. Adolescenti, famiglie e servizi di comunità tavola rotonda a cura di Asl e Comune alle 9 al Campus del Pionta. Sempre qui alle 15 c’è Corpi Dis-Abilitati: pratiche, contesti e politiche della diversità tavola rotonda a cura di Carlo Orefice.

Alle 17 alla Feltrinelli l’incontro con Fabio Stassi a cura di Università di Siena. Il giorno dopo Ogni mente conta. Inclusione, lavoro, sport, vita indipendente a cura di Fondazione Arezzo Comunità. Al Pionta la IV Lezione Pirella Stefano Massini, "Raccontare la follia" a cura di Silvia Calamai. Terzo giorno il 22 febbraio con La memoria manicomiale: ricerche e esperienze a confronto giornata di studio a cura di Silvia Calamai e Rosalba Nodari dalle 9 al Campus del Pionta. Malati di bellezza. Schumann, Nietzsche, Hölderlin, poesia e musica sulla soglia della follia, uno spettacolo di musica e filosofia di Francesco Cattaneo, Alessandro Tricomi, Simone Zacchini nella Sala vasariana alle 18.30. Il 23 febbraio spazio al Contest sulla consapevolezza della salute mentale e alla lezione del cantautore e performer Lorenzo Baglioni al Campus del Pionta alle 10. Poi Poi "Dall’io al tu": incontro con Vittorino Andreoli un evento a cura di Università di Siena, Libreria Feltrinelli Arezzo alla Borsa Merci, in piazza Risorgimento dalle 17,30. Viva la libertà, performance di teatro ispirata all’articolo 21 della Costituzione italiana al Pietro Aretino alle 19. Ultimo giorno il 24 febbraio: alle 16 l’incontro con Paolo Milone alla Feltrinelli.