Viareggio, 8 ottobre 2017 - Erano in pista e ballavano spensierati, come mille altre volte. Poi i saluti, la promessa di rivedersi e l’uscita dal locale. Dove la loro vita è cambiata in un secondo e hanno scoperto, per puro caso, di essere sieropositivi. La spensieratezza si è trasformata in un incubo per tre giovani versiliesi, due ragazze e un ragazzo, i quali hanno capito di aver contratto l’Hiv a causa di rapporti non protetti. E’ successo venerdì sera all’esterno del «Maki Maki», dove ad attendere i clienti, con tutta la discrezione del caso, c’erano i volontari dell’Anlaids Versilia, promotori dell’ennesima campagna di sensibilizzazione sull’Hiv. Alle persone che uscivano dal locale hanno chiesto infatti se fossero interessati a sottoporsi al test della saliva. Nell’arco dell’intera serata sessanta di loro hanno acconsentito a fare il test, chi per semplice curiosità e chi invece per scacciare definitamente atroci dubbi.

PER tre di loro, purtroppo, è arrivato il temutissimo responso. «Purtroppo – racconta la responsabile del comitato Anlaids Maria Cristina Tognetti – abbiamo trovato tre persone positive all’Hiv. Sono due giovani donne e un ragazzo, tutti eterosessuali e del territorio versiliese, che hanno contratto il virus con un rapporto sessuale non protetto. Sono stati seguiti nell’immediato dalla psicologa e prontamente assegnati al reparto malattie infettive di Massa, all’attenzione della dottoressa Antonella Vincenti, infettivologa referente di Anlaids Versilia. Successivamente saranno eseguite le analisi del sangue per avere la conferma della positività».

Tognetti, che ha coordinato l’iniziativa di venerdì sera insieme all’Anlaids Lombardia e al Consultorio Transgenere di Torre del Lago, ricorda che 4 anni fa in un’analoga campagna eseguita al «Boca Chica» di Torre del Lago fu trovata solo una persona positiva all’Hiv. «Quella zona era particolarmente frequentata da Lgbt – spiega – e questo dimostra che le persone più a rischio, in Versilia, restano gli eterosessuali. Non ci sono dubbi che a livello nazionale siano aumentati i sieropositivi Lgbt, ma a livello locale gli eterosessuali sono più a rischio». Poi l’appello finale, di quelli da ripetere all’infinito: «Al di là dell’appartenenza sessuale, va sottolineata la gravità di questa patologia silenziosa, di cui nessuno parla più. La prevenzione è l’unica arma per bloccare il virus e l’uso del profilattico è di vitale importanza. Purtroppo è visto solo come contraccettivo e non come salva-vita. Quello strato sottile di lattice è l’unica flebile arma che avete per uccidere il virus dell’Hiv. Non avete altro in mano, non avete armi, né archi, né spranghe, solo un sottile velo di lattice. Adesso scegliete».

Daniele Masseglia