Siena, 12 febbraio 2016 - Il sindaco Bruno Valentini resta al suo posto. Non sono bastati i 13 voti dei consiglieri che, oggi in Consiglio comunale, hanno presentato la mozione di sfiducia al sindaco Bruno Valentini (Michele Pinassi e Mauro Aurigi, MoVimento Siena 5 Stelle; Giuseppe Giordano, Siena Rinasce; Andrea Corsi e Massimo Bianchini, L’Alternativa; Laura Sabatini e Alessandro Trapassi, dell’omonimo gruppo; Ernesto Campanini, Sinistra per Siena – RC - SsM; Marco Falorni, Impegno per Siena; Pietro Staderini, Sena Civitas; Maria Isabella Becchi e Alessandro Piccini, Nero su Bianco; Enrico Tucci, Cittadini di Siena).


Oggetto della mozione: <<il pesante danno di immagine provocato alla città dagli avvisi di garanzia per atti compiuti durante il precedente mandato da sindaco a Monteriggioni; l’immobilismo della Giunta nei confronti della città bisognosa di urgenti opere di rinnovamento e sviluppo; il tradimento delle promesse elettorali; la mancata ricerca di verità sulla vicenda Banca e Fondazione MPS e la perdita di controllo sul settore cultura, ha chiesto di procedere al voto di sfiducia>>.