Siena, 12 aprile 2017 - L’Onda corre entrambi i Palii: capitano Alessandro Toscano si parla di una monta a sorpresa.

«(Sorride, ndr) Dipende cosa s’intende per monta a sorpresa!»

Magari un nome che non viene accostato a Malborghetto come nel caso di Gingillo, Tittia...

«Non so cosa intendi per monta a sorpresa ma voglio avere il fantino con le caratteristiche giuste in base al cavallo che mi toccherà in sorte. Hai fatto alcuni nomi come Giuseppe, Giovanni... tutte persone con cui abbiamo buoni rapporti. Carlo Sanna... Cerchiamo più aperture possibili per individuare la monta giusta nei due Palii».

Anche perché c’è una forte voglia di rivalsa: l’Onda intende vincere.

«Assolutamente sì. L’obiettivo è quello. Stiamo facendo di tutto per raggiungere il risultato».

Conta di più il rapporto con le Contrade o con i fantini?

«E’ importante il primo, altrettanto quello con chi monta a cavallo. Fare il Palio significa riuscire a tessere quanti più relazioni possibili per poter sfruttare al meglio le occasioni. Farlo da solisti sarebbe un lusso clamoroso!»

LEGGI L'INTERVISTA COMPLETA NEL GIORNALE IN EDICOLA

image