Prato, 20 aprile 2017 - E’ stata la prima diva del cinema ed è nata a Prato nel 1892. Rende omaggio a Francesca Bertini il video collage pubblicato da Daniele Nuti sulla sua pagina Facebook «Prato scomparsa». Un video che ad una manciata di giorni dalla sua pubblicazione ha già riscosso tante visualizzazioni. Francesca Bertini, pseudonimo di Elena Seracini Vitiello, era figlia adottiva di un trovarobe napoletano e di un’attrice di prosa fiorentina.

 

Dotata di bellezza e fascino Francesca Bertini, nel 1914 conquistò il primo ruolo da attrice protagonista nel film «Histoire d’un Pierrot» . Da lì fu un crescendo di consensi, apprezzata dalla critica e del pubblico, divenne la regina del muto nel 1915 nella parte di Assunta Spina dall’omonimo dramma di Salvatore Di Giacomo. Per amore del banchiere svizzero Alfred Cartier che divenne suo sposo, rinunciò ad un contratto da un milione di dollari offertole dalla Fox. Le sue apparizioni, poi, si fecero sempre più rare. Negli Sessanta e Settanta partecipò a qualche trasmissione televisiva rievocatrice del suo glorioso passato.

Nel 1976 fu convinta da Bertolucci a comparire in un breve cameo, in abiti da suora, nel suo «Novecento». E’ morta a Roma a 93 anni. Daniele Nuti con il suo attento lavoro di recupero iconografico ci restituisce ancora una volta immagini, personaggi e storie del passato. E la fatale Francesca Bertini, capelli corvini e sguardo intenso, testimonia come Prato abbia dato i natali anche a tanti personaggi famosi nel campo dell’arte.