Pontedera, 11 febbraio 2018 - Rapinatore armato di coltello messo in fuga da un tabaccaio. E’ successo sabato sera poco dopo le 19 alla rivendita di tabacchi e valori bollati sulla statale Tosco Romagnola a Pietroconti, tra Pontedera e La Rotta. "L’uomo, tra i 35 e i 40 anni, è entrato mostrando il coltello, una lunga lama con un manico di colore verde – racconta Maurizio Meini, l’uomo che in quel momento si trovava da solo nella tabaccheria gestita dalla moglie che era andata a casa a preparare la cena – Ho finto di avvicinarmi al cassetto, invece ho preso in mano un bastone e lui è scappato via a corsa".

Il rapinatore, un giovane straniero, sempre secondo il racconto di Meini, è scappato in direzione La Rotta in sella a una bicicletta da donna. I carabinieri lo hanno cercato tutta la notte anche nella zona di Montecastello. Secondo gli inquirenti, infatti, potrebbe trattarsi di uno dei "ragazzi del bosco" che spacciano droga nella zona di Montecastello e delle Tre Campane. Evidentemente, ieri non aveva incassato quanto si aspettava (o avrebbero preteso i suoi fornitori) e ha deciso di tentare la rapina. Ma sulla sua strada ha trovato un uomo determinato e deciso a non subire.

"Non sono razzista – dice Maurizio Meini – Ma non possiamo più far arrivare queste persone che, non lavorando, in qualche modo devono mangiare e campare e così rubano, fanno rapine o spacciano". Meini parla mentre i carabinieri di Pontedera effettuano i rilievi nella tabaccheria e prendono a verbale le sue dichiarazioni. Altre pattuglie dell’Arma sono in giro a cercare di risalire all’autore della tentata rapina. Il bandito che ha tentato l’assalto al tabacchi armato di coltello sarebbe alto poco più di un metro e settanta, aveva bocca e testa coperti da cappello e sciarpa e pantaloni tipo jeans di colore blu.

gabriele nuti