Pisa, 8 gennaio 2018 -  UN BICCHIERE di troppo, forse anche due o tre. E la patente prende il volo dopo lo strike contro ben sette auto parcheggiate lungo la strada da altrettanti residenti ai quali è toccato un risveglio alquanto movimentato.

È successo in via Garibaldi alle 6.25 di una domenica che è cominciata nel peggiore dei modi dopo una notte brava all’insegna del divertimento sfrenato e dell’alcol. Protagonista della vicenda, un 25enne italiano al volante di un’utilitaria che si è tramutata in una scheggia impazzita.

Sono bastati pochi secondi di distrazione – forse un colpo di sonno sul quale ha pesato certamente una condizione psico-fisica alterata – per trasformare il rientro a casa dopo la discoteca con gli amici in un incubo. Il ragazzo, infatti, ha perso il controllo del mezzo e si è schiantato sulle vetture in sosta. Prima una poi due, in un rimbalzo continuo senza soluzione di continuità.

I PRIMI due impatti, del resto, sono serviti a ‘risvegliarlo’, ma non a fermarlo perché nel tentativo di riprendere la retta via, ha sbandato di nuovo finendo oltre la carreggiata. E così per tre, quattro... sette volte sino a quando non si è incagliato definitivamente nell’ultimo ‘bersaglio’ che ha fermato la sua corsa corsa. Il trambusto ha fatto balzare giù dal letto l’intero quartiere: chi si è potuto affacciare dalle finestre direttamente su via Garibaldi si è trovato davanti una scena piuttosto bizzarra.

IMMEDIATA la richiesta d’aiuto alle forze dell’ordine e al 118 che per fortuna e solo per una casualità non ha dovuto soccorrere vittime. Sul posto, anche la polizia municipale che ha prontamente effettuato i rilievi di rito e riscontrato gli effetti devastanti dell’ondata distruttiva scatenata dal 25enne. L’alcol test ha confermato quanto già ipotizzabile ed evidente anche ad occhio nudo: l’automobilista ‘folle’ aveva un tasso alcolemico superiore ai limiti previsti dalla legge (1,5 grammi per litro, ndr) ovvero 2 g/l. Per lui quindi ritiro immediato della patente e sequestro dell’auto, risultata di sua proprietà.

UNA SORTE simile a quella toccata ad un 39enne pisano che ha movimentato il suo sabato sera provocando la stessa ‘sciagura’ in via Vittorio Veneto poco dopo le 3. Il copione è il medesimo. L’uomo in questione – anch’egli fortunatamente solo in auto – ha perso il controllo al volante e si schiantato contro un’auto parcheggiata sotto un’abitazione. Risultato, anche in questo caso, di una condizione psico-fisica alterata dall’alcolo. Nel suo sangue è stata trovata una concentrazione pari a 3 grammi per litro, esattamente il doppio di quanto consentito. Quindi via la patente e auto rimossa.

Elisa Capobianco