Livorno 17 marzo 2017 - Dopo le tensioni e le proteste dei giorni scorsi, adesso sono state gettate le basi per  riaprire la trattativa con Trumpy Tour che ha deciso di affidare il lavoro di trasporto passeggeri con pullman nel settore croceristi ad altri soggetti di fuori provincia togliendolo a Csb (la società che raggruppa 40 imprese livornesi con 170 addetti).

Questo risultato è il frutto della mediazione del sindaco di Livorno Filippo Nogarin che stamani ha convocato in Comune Autorità Portuale, Porto 2000, Cna, la delegazione di Csb e di Trumpy Tour. I l lavoro  del sindaco, affiancato dagli assessori al lavoro Francesca Martini e alla mobilità Giuseppe Vece, è dunque servito a raffreddare il clima  dop i prosidi ai to i varchi di ingresso al porto da dove entrano ed escono i pullman con i croceristi diretti alle città d'arte durante lo scalo dele navi.

"Vista la possibilità ora di riprendere il confronto con Trumpy Tour - assicura Talini responsabile Cna Livorno - abbiamo deciso di sospendere ogni forma di protesta e mobilitazione per favore il dialogo tra le parti propiziato dal sindaco Nogarin". Il lavoro che Trumpy Tour ha deciso di appaltare dopo il 10 febbraio a Bus & Cruise, società consortile che riunisce operatori che sono di Firenze, Perugia, Grosseto e Parma,  rappresenta il 40% del fatturato di Csb.