Firenze, 14 febbraio 2016 - Per il primo successo in rimonta della Fiorentina, un successo pesante contro l'Inter, l'allenatore viola Paulo Sousa è giustamente soddisfatto: " Abbiamo meritato questo risultato. I ragazzi ci credono sempre fino in fondo, anche quando la partita non va bene _ dice Sousa_ Questa squadra sta crescendo in personalità e carattere. Dobbiamo migliorare il controllo emozionale delle partite. Oggi abbiamo avuto intensità, verticalità, mi fa piacere vedere di nuovo la squadra prendere questi ritmi. Abbiamo continuato a crederci".

Elogi per Bernardeschi Bernardeschi ("sta migliorando tantissimo ha fatto una partita grandissima") che proprio con il suo spostamento più verso il centro ha contribuito a far ritrovare verticalità e intensità ai viola. apparsi a tratti quelli della prima parte della stagione.

"Sono orgoglioso di allenare questi ragazzi _dice Sousa_ stiamo migliorando la maturità e la qualità. I ragazzi stanno seguendo il lavoro e ci credono. Crediamo nella possibilità di grandi traguardi".

Nessun commento di Sousa sull'arbitro (è parso clamoroso il rigore non dato ai viola sul toccco di mano di Telles), mentre l'Inter è furibonda con l'arbitro Mazzoleni e decide addirittura il silenzio stampa.

A fine gara, in assenza dei Della Valle, parla il presidente esecutivo Cognogni che elogia squadra e allenatore, smentisce le voci di cessione della società e spiega perché Andrea Della Valle non era allo stadio: " Il clima non è facile, a lui fa poco piacere, vive di emozioni e passioni e ha preferito rimanere un po' fuori e riflettere". Forse, dopo questi tre punti, la riflessione sarà più piacevole.