Empoli, 5 luglio 2014 - PANTALONI, magliette, sandali, costumi. Chi più ne ha più ne metta, anzi chi più ne ha più ne compri. Sì perché oggi scattano anche a Empoli i saldi estivi per la felicità dei tanti cittadini che stavano aspettando questo fatidico 5 luglio per far visita a qualche negozio del centro col desiderio di acquistare quei capi fino a ora inaccessibili per questioni di prezzo. Fino al 5 settembre, ultimo giorno di sconti, i desideri, gli sfizi di tanti empolesi potranno trasformarsi in piacevoli realtà senza svenare troppo il portafoglio.

LA CONFESERCENTI dell’Empolese Valdelsa prevede per i saldi estivi una spesa media di 165 euro a persona, soldi che potrebbero far venire il buon umore ai negozianti che con i cittadini, nel bene o nel male, saranno protagonisti dello shopping a prezzi ribassati. «Abbiamo molte aspettative per questi saldi — spiegano Endia Corso e Irene Maccanti di Playlife, negozio di abbigliamento di via Ridolfi — Punteremo sulla qualità dei nostri prodotti da uomo e donna, ma faremo in modo anche che la nostra vetrina sia ben decorata, abbia un aspetto accattivante in grado di attirare i clienti. Stupiremo gli empolesi ne siamo certe».

CARICO e speranzoso invece di vivere un periodo infuocato per presenze di clienti e vendite, Lorenzo Stefanini di Naive. «Invito tutti a passare da me — commenta il giovane titolare — Da Naive chiunque potrà trovare una maglietta o un pantalone adatto ai propri gusti e alle proprie tasche. Su alcuni articoli effettuerò sconti anche del 50%. E’ già da mesi che l’attività sta andando bene, credo proprio che i saldi uniti alle varie iniziative presenti in città, come le aperture serali, attireranno molta gente». L’ottimismo insomma sembra essere una piacevole nuova sensazione tra i commercianti. Sentite Nancy Emam di Intimissimi. «Dopo periodi non felicissimi stiamo cominciando a vedere la luce in fondo al tunnel. Ora via con le offerte. Si Parte con sconti del 20 e 30%». Infine David Bindi, responsabile di Twin – Set spera che anche i famosi 80 euro in più in busta paga provenienti dal decreto Irpef possano convincere gli empolesi a fare un po’ di shopping. «I nostri saldi saranno del 30%. I famosi soldi in più ai lavoratori? Potrebbero essere un buon incentivo per tutti gli empolesi. Togliersi qualche sfizio in più fa bene all’anima, soprattutto in tempo di saldi”.