Quella “nube” inquietante. Le regole da seguire dopo il caso-cementeria

Gubbio, i sopralluoghi hanno accertato la presenza di fibre: ordinanza del Comune. Per dubbi e richieste i cittadini possono rivolgersi al Servizio di Igiene e Sanità

La ricaduta è avvenuta giorni fa alle cementerie Barbetti

La ricaduta è avvenuta giorni fa alle cementerie Barbetti

Gubbio, 14 giugno 2024 – La situazione viene monitorata. È dello scorso weekend la notizia della fuoriuscita di materiale dagli stabilimenti di Semonte delle cementerie Barbetti. In particolare, il residente di un’abitazione in località Suelle aveva contattato il Comune di Gubbio per del materiale ricaduto da una nuvola proveniente da una delle ciminiere del cementificio.

Sul posto si è quindi recato il personale Arpa ed Asl, ed è stata accertata la presenza di fiocchi di fibre in più punti della proprietà. Sono stati quindi prontamente effettuati dei campionamenti sul materiale rinvenuto e, anche se si stanno ancora attendendo i risultati definitivi del laboratorio, è stata esclusa la presenza di fibre di amianto.

Usl Umbria 1 e Arpa stanno proseguendo le indagini ambientali in una stretta collaborazione, ma tuttora non sono emerse evidenze di disturbi fisici collegabili all’evento.

Lo stesso giorno in cui si è verificato l’incidente, la ditta eugubina ha emanato un comunicato dove si riferiva che alle ore 9:15 della mattina si era verificato un problema tecnico imprevedibile, che aveva causato la perdita di materiale fonoassorbente contenuto nelle batterie del silenziatore.

Dopo aver risolto l’intoppo, l’impianto ha ripreso ad operare normalmente, anche se la ditta Barbetti ha comunicato a Regione, Comune, Asl e Arpa di aver fermato la produzione per permettere l’espletamento di tutti i controlli necessari, come intimato dall’amministrazione comunale.

Inoltre, sono stati effettuati sopralluoghi nelle aree interessate, oltre alla pulizia delle zone in cui sono caduti i materiali, che risultano ancora presenti soprattutto nell’area collinare compresa tra il cementificio, via Suelle e via del Castello a Semonte.

Le fibre raccolte dovranno poi essere gestite come rifiuto mediante la ditta autorizzata.

Il Comune ha anche imposto il divieto di raccolta di vegetali per consumo umano e zootecnico nell’area interessata dalla ricaduta. Per informazioni, domande, dubbi ed eventuali richieste, i cittadini possono rivolgersi al Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, telefonando al numero 0759270801.