Ecìla sul palco

Pistoia, 6 novembre 2018 - Pistoia e Prato al Festival di Sanremo? Ce le vuole portare Alice Tesi, in arte Ecìla, da domani, mercoledì 7 novembre, a sabato 10 in gara sul prestigioso palco del Casinò di Sanremo. La ragazza nativa di Firenze, residente a Montemurlo ed ex studentessa del Liceo artistico Petrocchi di Pistoia (ora al “Brunelleschi” di Oste), prossima ai 17 anni (li compirà il 12 dicembre), ha conquistato infatti il pass per la finale di “Area Sanremo”, il concorso canoro che porterà i suoi vincitori a “Sanremo Giovani”.

Dopo la pubblicazione del suo primo singolo “Ho il potere su di te” (oltre 7mila visualizzazioni su YouTube in 3 mesi), un altro bel traguardo per questa allieva del maestro Piero Donofrio, seguita dal produttore indipendente pistoiese Damiano Innocenti Chiti (Sartoria Musicale), compositore delle sue canzoni con la pratese Ginevra Carucci, l’autrice dei testi. Da domani, mercoledì 7, a sabato 10 novembre, Ecìla sarà in gara al Casinò di Sanremo con altri 224 ragazzi di tutta Italia.

“Ho iniziato la lunga strada che porta al ‘Festival di Sanremo’ nel maggio scorso – racconta, entusiasta –. A ottobre ho preso parte alle semifinali di ‘Area Sanremo’, ove eravamo più di 800 giovani artisti a confrontarci. Sono riuscita a passare il turno, approdando all’ultimo atto del concorso. Stavolta, dei 225 concorrenti solo 24 prenderanno parte a ‘Sanremo Giovani’, che si terrà a dicembre in due serate trasmesse da Rai 1. Al Festival 2019, assieme ai big, ci saranno i 2 vincitori. Sono felicissima di essere in finale: sto vivendo un’esperienza unica, che porterò sempre con me. Non mi accontento, però, anche se continuo a studiare canto e prepararmi”.

“Dopo l’uscita del primo singolo, Ecìla ci ha messi subito al lavoro per realizzare il primo brano per ‘Area Sanremo’; in questi giorni abbiamo definito il terzo. Oltre a essere un talento ha una grande determinazione, ma è rimasta coi piedi per terra”, sostiene Damiano Innocenti Chiti. “Lavorando ai testi di Ecìla, ho avuto la possibilità di conoscere varie sfumature della sua anima artistica e quello che mi ha colpito di più è la grinta che cela dietro il volto pulito di ragazza giovane e spensierata. Ha l’abilità di trasmettere il senso più profondo di ogni testo”, aggiunge Ginevra Carucci. Per la fanciulla che ha saputo unire Pistoia e Prato, storicamente rivali, un’altra sfida.