Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
23 mag 2022

L’Asta si scatena: doppietta di Mazza Ora l’atto conclusivo con il Montalcino

23 mag 2022

ASTA

2

PRATOVECCHIO STIA

0

ASTA: Anselmi, Doda (85’ Bruni), Maggini, Bonechi, Fineschi, Di Renzone, Jrad, Pasquinuzzi, Arigò, Mazza, Castaldo (46’ Kalluci).

Panchina: Bellini, Fantoni, Brandina, Curcio, Masotti, Marzi, Redditi. Allenatore: Bartoli.

PRATOVECCHIO STIA: Barbagli, Medina, Capacci A., Fabrizi, Riccia, Conti, Cipriani, Corsetti, Lunghi, Ricci M., Boldrini.

Panchina: Goretti, Ciabatti, Moretti, Seghi. Allenatore: Laurenzi.

Reti: 73’ Mazza e 90’ (rigore) Mazza.

BADESSE – Grazie a due reti di Mazza, la seconda allo scadere dagli undici metri, la formazione allenata da Stefano Bartoli (nella foto) guadagna la finale play-off.

Nell’occasione l’Asta si confronterà con il Montalcino in un match che si annuncia carico di emozioni tra compagini desiderose di centrare il traguardo. Domenica l’appuntamento decisivo in sede neutra. Presto sapremo quale sarà l’impianto chiamato a ospitare l’atteso incontro.

L’Asta vorrà provare a dare continuità al proprio percorso promozione, dopo aver conquistato ieri pomeriggio un giusto successo, seppur maturato quasi nel finale, nella partita disputata ieri pomeriggio allo stadio Daniele Berni di Badesse. Il team di Stefano Bartoli cerca di imprimere il proprio ritmo al confronto, ma non riesce nell’impresa di sbloccare il punteggio nonostante le valide opportunità. Anche la compagine del Casentino prova a compiere il colpo, trovando sempre sulla sua strada un’accorta squadra di casa pronta all’affondo per modificare lo scenario a proprio favore. Poi infatti arriva l’uno-due determinante per l’Asta. Reti ravvicinate, fra il 73’ e il 90’, che non permettono al Pratovecchio Stia di organizzare una reazione. Sempre Mazza il protagonista, ma in realtà il 2-0 è da interpretare come un bel successo di squadra da parte dei padroni di casa, che si preparano adesso a offrire il meglio in previsione dell’atto conclusivo.

Paolo Bartalini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?