Oggi giura la sindaca Cenni. Debutta l’assemblea consiliare. Sfida tra Signorini o Ciappi

Si decide il nome per la carica di presidente del Consiglio comunale: testa a testa tra i due campioni di preferenze, uno in quota Psi, l’altro esponente del Partito democratico.

Oggi giura la sindaca Cenni. Debutta l’assemblea consiliare. Sfida tra Signorini o Ciappi

Oggi giura la sindaca Cenni. Debutta l’assemblea consiliare. Sfida tra Signorini o Ciappi

Pronta a prendere il via la consiliatura 2024-2029 per il Comune di Poggibonsi. Alle 17 la convocazione dei Consiglieri per la seduta inaugurale e nell’occasione la nuova sindaca Susanna Cenni presenterà i componenti della sua squadra di governo. Ovvero, in ordine alfabetico, Enrica Borgianni, Fabio Carrozzino (al terzo mandato), che sarà anche vice sindaco, Filippo Giomini, Elisa Tozzetti, Lisa Valiani. Rispetto all’amministrazione Bussagli dell’ultimo quinquennio, escono dalla giunta Nicola Berti, già vice sindaco, Susanna Salvadori, che ha ricoperto vari incarichi da assessore fino dal 2011, e Roberto Gambassi, in forza dal 2019.

Riflettori puntati adesso sull’elezione del presidente del Consiglio comunale, un po’ la ’seconda carica’ istituzionale dell’amministrazione dopo il primo cittadino. Sarà un presidente espressione della maggioranza consiliare? I precedenti, nel tempo, portano in tale direzione. Circolano in proposito alcuni nomi all’interno del centrosinistra, tra le proposte da sottoporre al voto dell’assemblea. Ipotesi che conducono verso due tra i leader nelle preferenze della tornata di sabato 8 e domenica 9 giugno: Giampiero Signorini, eletto consigliere in quota Psi nella lista Uniti per Poggibonsi, e Mattia Ciappi del Pd. Nel 1995 divenne presidente del Consiglio comunale di Poggibonsi un esponente di un gruppo di minoranza: Guido Mauro Sammicheli, dei Popolari e Democratici, in seguito alle intese dell’epoca tra Pds e Ppi. Opposizioni che sono oggi rappresentate, per effetto degli esiti del recente voto, da Angela Picardi, Maria Carolina Roselli, Gianni Martinucci e Paolo Salvini per il centrodestra, da Claudio Lucii per i civici di Vivi Poggibonsi e da Loriano Checcucci per Rifondazione comunista.

Paolo Bartalini