Roberto Bottiglioni, ex assessore
Roberto Bottiglioni, ex assessore

Sarzana, 28 novembre 2020 - Il finanziamento è sparito dai radar e anche il Pud naviga sempre piu’ in acque agitate. Il contributo che la Regione Liguria aveva erogato al Comune di Sarzana come sostegno a tutte le amministrazioni con "vista mare" per predisporre la progettazione dedicati al ripascimento delle spiagge è stato revocato. In effetti arrivarono 34 mila euro ma qualcosa non è andato per il verso giusto tanto che un anno dopo i soldi sono tornati al mittente.

A scoprire l’improvviso viaggio di andata e ritorno del versamento è stato Roberto Bottiglioni, ex assessore delle giunte di centrosinistra sarzanesi. "Il Comune - spiega l’ex amministratore- a fine del 2018 ha partecipato al bando di gara presentando un progetto per il ripascimento di alcuni tratti della spiaggia di Marinella che altro non era che la bozza del Pud di Marinella redatta da tempo dalle precedenti amministrazioni. Poi venne adottato il piano in consiglio ma a quel punto il Comune avrebbe dovuto proseguire nell’iter di approvazione e conseguentemente pubblicare il Piano, raccogliere le eventuali osservazioni dei cittadini e trasmettere il tutto nuovamente alla commissione consiliare competente e poi al consiglio comunale. L’adozione avrebbe poi dovuto essere inviata alla giunta regionale per la definitiva approvazione". E invece?

"L’iter - prosegue Bottiglioni - è stato interrotto perchè l’obiettivo era evidentemente quello di partecipare al bando di gara ed ottenere i 34 mila euro. Ma gli uffici regionali una volta scoperto che il Comune di Sarzana non era legittimato a partecipare al bando di concorso perché non dotato del Pud alla fine del 2019 revocarono il contributo".

Una negligenza, secondo l’avvocato Bottiglioni, che è costata non soltanto un finanziamento. "Intanto non distinguere un piano adottato da quello approvato è un aspetto grave. Inoltre troviamo inquietante che la giunta Ponzanelli decida di mettere mano al Pud di Marinella con l’unico scopo di accaparrarsi un po’ di soldi dalla Regione, quando invece rappresenta per ogni Comune costiero lo strumento preordinato alla riqualificazione delle strutture balneari. Quindi non abbiamo soltanto perso il contributo e la decadenza del Piano, ma ha determinato ripercussioni rilevanti sul piano spiagge visto che l’assenza del Pud coordinato con il piano spiagge ha determinato la situazione di abbandono e degrado che abbiamo avuto modo di constatare nelle due ultime estati a Marinella e aver reso impossibile l’attuazione delle previsioni urbanistiche".