La gestione del centro sociale di Vezzano capoluogo passa, finalmente, nelle mani del comitato di quartiere. Una bella soddisfazione per il quartiere che in passato aveva richiesto più volte la gestione dei locali del centro sociale di via Verdi ma che erano stati in passato assegnati ad un’associazione, per cui il quartiere aveva potuto solo richiedere gli spazi ma non...

La gestione del centro sociale di Vezzano capoluogo passa, finalmente, nelle mani del comitato di quartiere. Una bella soddisfazione per il quartiere che in passato aveva richiesto più volte la gestione dei locali del centro sociale di via Verdi ma che erano stati in passato assegnati ad un’associazione, per cui il quartiere aveva potuto solo richiedere gli spazi ma non gestirli. Un luogo che ha molti ricordi, il centro sociale per molti ragazzi e già adulti di Vezzano: feste scolastiche, recite con l’arrivo di Babbo Natale, compleanni, eventi, incontri, dibattiti e quando ci sono vi si svolgono anche le elezioni politiche. Il regolamento che il Comune ha approvato già da qualche anno prevede che l’uso e la gestione dei centri sociali possano essere affidati ai consigli di quartiere che stabiliscono la propria sede nei locali del centro sociale di riferimento. Le elezioni dei membri che formano il gruppo di quartiere del capoluogo si sono svolte l’anno scorso, referente di Vezzano capoluogo era stata nominata Fabiola Ferraro. A ottobre di quest’anno il consiglio di Quartiere ha presentato istanza per assumere la gestione del centro sociale di riferimento nell’immobile di proprietà comunale in via Verdi e il sindaco Massimo Bertoni e la sua giunta hanno favorevolmente accolto la richiesta. In base alla convenzione tra Comune e il quartiere, il centro sociale sarà sempre luogo di aggregazione, di socializzazione, di riferimento per il rione, realizzerà iniziative di carattere ricreativo, sociale e culturale nell’ottica della multidisciplinarietà e della partecipazione attiva. Il gestore, in questo caso il consiglio di quartiere, nel periodo in cui stiamo vivendo, sarà tenuto sempre a verificare che le attività svolte nel centro sociale si svolgano in conformità alle misure di prevenzione del contagio ed alla regolamentazione vigente per il contrasto alla diffusione del covid 19 .