Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

La coppa della speranza

Sofia Olivi si è aggiudicata il Trofeo dei Territori con la selezione di Firenze

La promessa pistoiese Sofia Olivi
La promessa pistoiese Sofia Olivi
La promessa pistoiese Sofia Olivi

Una promessa della pallavolo con la testa sulle spalle. Le calza a pennello la definizione "la studentessa del volley di livello". Sofia Olivi è una ragazzina classe 2009 che non passa inosservata: innanzitutto per l’altezza, 184 centimetri in... divenire ad appena 13 anni d’età. Niente male davvero, soprattutto per chi vive, come nella pallavolo, per i piani altezza.

Residente a Pistoia, è figlia di un ex corazziere sotto le presidenze di Cossiga e Scalfaro, Stefano, e della viareggina Debora, cresciuta a Pistoia e che oggi gestisce con il marito un’azienda che importa e commercia pellet per riscaldamento. Frequenta la seconda media all’"Anna Frank" e, dopo le esperienze con Blu Volley Quarrata e Volley Aglianese, è approdata alla Savino Del Bene Scandicci.

Con la selezione di Firenze ha vinto il Trofeo dei Territori e sta giocando i playoff con la sua squadra di club. In sostanza, si sta facendo notare dagli addetti ai lavori e dai tifosi. Nella famiglia di watussi (il babbo è 2 metri, il fratello Simone, 14enne studente all’Istituto tecnico, che ha provato a giocare nell’Avis Volley ma ha poi rinunciato, 195 centimetri, la mamma 170), lei fa sacrifici con l’entusiasmo per amico. Buon rendimento scolastico, tra allenamenti e partite si sposta 5, 6 volte a settimana a Scandicci, dando soddisfazione ai suoi (e, pian piano, a tutto il movimento pallavolistico toscano).

"Sta lavorando sodo – sussurra, per non suscitare l’invidia degli Dei, suo padre – si dà tanto da fare per conciliare tutti gli impegni. Ha iniziato a giocare a 6 anni, il volley è la sua grande passione, adora l’opposta polacca Magdalena Stysiak, attualmente a Monza. È il capitano della sua formazione e, nonostante tutto quello che ha da fare, non perde l’occasione per seguire le partite della compagine di prima divisione che alleno io e quelle della seconda divisione di Fabio Grassi alla Pallavolo Milleluci Casalguidi (le cosiddette Union Volley, le équipe nate dalla collaborazione con Agliana, ndr). Speriamo che continui così".

Mentre lo afferma, sorridono gli occhi di questo omone originario di Arcevia, in provincia di Ancona. Già, auguriamoci che prosegua a divertirsi ancora in campo, studiando da giocatrice. Poi, tranquilla, verrà tutto il resto.

Gianluca Barni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?