Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

"Fase a orologio negativa Ora inizia un’altra storia"

Saccaggi non si nasconde: "Con le prime abbiamo sempre perso, fa rabbia. Il nostro livello è alto, ma non è abbastanza. Pronti al riscatto con Cento"

Lorenzo Saccaggi in azione. Il giocatore biancorosso è pronto a guidare la squadra durante i playoff
Lorenzo Saccaggi in azione. Il giocatore biancorosso è pronto a guidare la squadra durante i playoff
Lorenzo Saccaggi in azione. Il giocatore biancorosso è pronto a guidare la squadra durante i playoff

Lorenzo Saccaggi è uno che non vuole perdere nemmeno quando gioca a biglie sulla spiaggia, figuriamoci in campo. La sconfitta contro Chiusi, la seconda di fila, mai successo dall’inizio dell’anno, non è stata presa tanto bene.

"Le due battute d’arresto pesano, non sono state digerite dalla squadra – dice il giocatore biancorosso – ora torniamo in palestra con una rabbia maggiore per prepararci alla gara contro Cento".

Già, la Giorgio Tesi al primo turno degli spareggi promozione affronterà Cento, una squadra giovane che ha fatto una buona stagione e chissà se i biancorossi sono contenti di questo accoppiamento.

"Sinceramente guardo tanta pallacanestro, ma mai la classifica e non mi sono mai interessato ai potenziali avversari – prosegue Saccaggi – anche perché adesso inizia un altro campionato. Cento ha fatto una grande stagione, è arrivata sopra a Forlì che tutti davano tra le prime e non lo ha fatto per caso, esattamente come Chiusi quindi non ho mai avuto alcuna preferenza. Ogni partita dei play off è difficile, si gioca ogni due giorni e nel giro di una settimana può cambiare tutto. Non abbiamo mai dato peso alla classifica perché sapevamo che sarebbero state tutte partite complicate".

Parole sante quelle di Saccaggi perché in effetti saranno decisamente partite difficili quelle c he aspettano i biancorossi e già in questa fase ad orologio Pistoia ha avuto modo di rendersene conto.

"Un po’ di amaro in bocca c’è – dice il play biancorosso – ci siamo scontrati contro le prime della classe affrontando un’intensità ed un’aggressività diversa e come ho sempre detto noi contro le prime della classe non siamo mai riusciti a vincere, è la verità. Abbiamo perso contro Udine, Cantù, siamo andati a Verona ed abbiamo preso 30 punti e tutte queste cose ti lasciano tanta rabbia. Ora tutti siamo arrabbiati per la sconfitta contro Chiusi. Il bilancio di questa fase ad orologio è negativo, perché ci sono state tre sconfitte ed è la prima volta che perdiamo due partite di fila, la cosa buona è che adesso si riparte da zero. Intanto pensiamo a Cento, che è uno scoglio importante, senza porci un obiettivo perché ai play off può succedere di tutto. Dobbiamo imparare da questa dura lezione che ci hanno dato le squadre dell’altro girone perché questo è stato. Noi siamo sempre quelli, il nostro è un livello alto sia in allenamento che come professionalità, come gruppo e come gioco. Da quando è tornato Jazz la chimica è tornata la stessa, ma questo assaggio di play off ci ha fatto notare che non è abbastanza. Per fortuna non lo abbiamo pagato molto perché eravamo sicuri della posizione di classifica, ma dobbiamo riflettere su questo aspetto. La squadra lo sta già facendo perché siamo arrabbiati e vogliamo tornare in campo per dimostrare che nelle prime posizioni possiamo starci".

Maurizio Innocenti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?