Quotidiano Nazionale logo
3 mag 2022

Novanta minuti per decidere il destino-playoff

In Serie B mai si era verificata una lotta così serrata per la promozione, con le prime otto posizioni del campionato tutte in discussione a 90 minuti dal fischio finale della stagione regolare. Per il Pisa tutto è ancora aperto, poiché i nerazzurri potrebbero ancora terminare sia al secondo posto, centrando la promozione diretta, sia terminare addirittura settimi, con la difficoltà di poter giocarsi i playoff dal turno preliminare. Il destino del Pisa è quindi tutto nelle mani, anzi nei piedi di Gucher e compagni, che dovranno necessariamente battere il Frosinone per sperare nei passi falsi delle avversarie, o semplicemente per raggiungere la miglior posizione possibile per i playoff. Con la vittoria almeno questo risultato sarebbe sicuro, perché il Pisa, nella peggiore delle ipotesi, se anche tutte le squadre davanti a sé dovessero vincere, rimarrebbe al quarto posto e partirebbe con gli spareggi per la Serie A dalle semifinali, in posizione di vantaggio nel doppio confronto. Per arrivare invece al secondo posto si dovrebbero verificare una serie di difficili incastri. Oltre a vincere allo ‘Stirpe’ di Frosinone infatti, la squadra di D’Angelo, quarta a 64 punti, dovrebbe sperare che il Monza, attualmente secondo con 67 punti, perda contro il Perugia, una possibilità remota ma non impossibile. Gli umbri infatti si trovano al nono posto in classifica e fanno la corsa al Frosinone. Se dovessero vincere coi brianzoli e, parallelamente, i nerazzurri battessero i ciociari, sarebbe il Perugia a fare le scarpe al Frosinone in virtù dei migliori risultati negli scontri diretti.

Il Pisa però dovrebbe sperare anche in un pareggio o una sconfitta da parte della Cremonese,, terza a 66 punti, contro il Como. A quel punto il Pisa si troverebbe a pari punti sia con Cremonese, sia con Monza, ma con una migliore classifica avulsa e, presi singolarmente, anche migliori risultati negli scontri diretti. C’è però anche un caso peggiore. Se Gucher e compagni infatti dovessero perdere contro il Frosinone e le loro avversarie invece dovessero vincere tutte, il Pisa si ritroverebbe di colpo al settimo posto in classifica, superato anche da Brescia, Benevento e Ascoli, con la prospettiva di dover giocare anche i playoff dal turno preliminare e avendo solamente un risultato su 3 a disposizione, in partita secca, per avanzare al turno successivo. Michele Bufalino

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?