Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

Puntoni batte in due set Orrico L’allievo non ha superato il maestro

Al Torneo del Tc Marina di Massa il più giovane non è riuscito a battere il più esperto. Ma è stata battaglia vera

Orrico e Puntoni, ovvero l’allievo e il maestro che questa volta si sono ritrovati uno davanti all’altro: ha vinto il maestro
Orrico e Puntoni, ovvero l’allievo e il maestro che questa volta si sono ritrovati uno davanti all’altro: ha vinto il maestro
Orrico e Puntoni, ovvero l’allievo e il maestro che questa volta si sono ritrovati uno davanti all’altro: ha vinto il maestro

Maestro e allievo uno contro l’altro in finale. E’ successo nel Torneo di Terza Categoria del TC Marina di Massa. Di fronte si sono ritrovati Alessio Puntoni, maestro ma anche giocatore di Next Gen Tennis Team, e il giovane Edoardo Orrico. E’ stato match vero ed intenso vinto da Puntoni in due set (7-5, 6-2) con il "ragazzino" che, però, gli ha creato più di un problema. I due per tutto l’inverno avevano giocato spesso insieme il mercoledì e si conoscono a mena dito. Il circolo, gremito di gente, li ha resi un po’ tesi ma Orrico è partito battendo bene facendo diversi vincenti. Puntoni ha tenuto facile il servizio non sfruttando diverse occasioni di break. Break che è riuscito invece all’allievo sul 5-3. Il "maestro" è rimasto solido e concentrato effettuando il contro sorpasso (7-5). Nel secondo set, forte del vantaggio psicologico, è salito sul 3 a 0 ma ha subito il ritorno del rivale (3-2). La vittoria per 6-2 è arrivata solo dopo aver vinto alcuni game molto combattuti ai vantaggi. "E’ il primo torneo dell’anno vinto da Alessio – commenta Eduard Perndreca, direttore tecnico di Next Gen – che è un esempio per i nostri giovani perché oltre a lavorare si allena e cerca di migliorarsi sempre. Un grande plauso va anche ad Edoardo che non ha ancora compiuto 14 anni ma è uno dei giocatori del nostro parco allievi che sono migliorati di più. E’ cresciuto sotto tutti i profili: fisicamente (è sopra i 180 cm n.d.r.) ma anche sul piano tecnico, atletico, tattico e mentale. Si è giocato la finale alla pari con Alessio ma la sua crescita è testimoniata anche dalla vittoria in semifinale (4-6, 6-4, 10-5) su Manuel Biagi, altro nostro giocatore esperto che non molla mai. Battere un lottatore del genere è un passo importante verso la maturità".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?